di Francesco Carlà

Rent to buy

del 4/03/2021 di Francesco Carlà
Il nome che usano gli anglosassoni dove questo genere di accordi e' gia' in uso da molto tempo, e' "rent to buy", affittare per poi comprare.

Sta venendo parecchio di moda anche in Italia per via delle difficolta' del mercato immobiliare: i costruttori e i venditori faticano a trovare clienti, e gli acquirenti potenziali non riescono a farsi erogare mutui sufficienti e veloci.

Il "rent to buy" di solito ha questo genere di condizioni: il compratore al momento dell’acquisto paga un anticipo tra il 6% e l'8% del valore dell'immobile. Per un periodo tra i 2 e i 4 anni diventa affittuario. In media, oltre alla mensilita', paga circa il 14% in più. Tutto quello che avra' versato verrà poi detratto dal prezzo finale della casa.

Detta cosi' suona come una cuccagna, ma bisogna stare attenti ad una serie di insidie. Il demonio, in finanza piu' che mai, si nasconde nei dettagli.

Intanto esistono varie forme contrattuali per realizzare questa speranza di vendere o comprare casa. Forme che hanno caratteristiche molto diverse tra loro e tutele differenti.

Poi bisogna farsi una serie di domande. Domande per il venditore e per l'acquirente.

Cosa succede se durante il periodo dell'affitto il venditore (spesso un costruttore) fallisce e il bene viene aggredito da un'ipoteca giudiziale o da un pignoramento?

Come puo' garantirsi il venditore sulla reale capacita' dell'acquirente di pagare affitti pesanti e poi di completare l'acquisto?

Quindi l'uso di un consulente indipendente e' necessario.

Non lasciatevi ingannare dal boom (+300%) che il settore sta vivendo. Non e' difficile avere queste crescite quando si parte praticamente da zero.

Il 'cosi' fan tutti' e' il peggiore dei consiglieri finanziari.




Chi e' Francesco Carla'

Segnala questo articolo ad un amico

Scrivi a Francesco Carla'


Prova gratis i nostri Premium che battono gli indici e creano Indipendenza e felicita' finanziaria



Navigazione suppletiva

Per avere i migliori e piu' aggiornati consigli vi invitiamo a visitare le pagine seguenti: