di Francesco Carlà
Archivio Ultimo articolo Scopri la newsletter sulla finanza e sui mercati

Fuga dall'infelicità finanziaria (ultima parte)

del 3/08/2020 di Francesco Carlà
Scrivevo questa newslettera 9 anni fa. Nel rileggerla ho avuto due sensazioni molto precise:

La prima: non è cambiato nulla, anzi gli scenari sono diventati ancora più definiti e non in meglio. Naturalmente Fwiane e Fwiani a parte. A loro è andata in modo assai diverso in questi anni duri.

La seconda: chi attende "tempi migliori" per cominciare ad investire in modo sul serio intelligente attenderà in eterno.

Ma avevo promesso di raccontarvi perchè è così importante cominciare presto ad investire, e non rimandare sempre ...


(Questa ultima parte è, secondo me, piuttosto utile. Per due ragioni: La prima: contiene previsioni decennali che terminano nel 2021 e che si sono già largamente sviluppate. Decidete voi come. La seconda: contiene commenti nuovi del sottoscritto che ho inserito tra parentesi.) Buona lettura.

Prima si comincia ad investire meglio è.

Se cominciate ad investire sul tardi, per esempio a 75 anni, avrete meno tempo per far lavorare al vostro fianco la magia dell'interesse composto, uno dei più grandi amici dell'uomo secondo Albert Einstein e il modestissimo sottoscritto.

Investo dunque sono.

Non è che se non investite non siete, ma certo se non investite prima possibile farete più fatica a diventare prosperi e soddisfatti di voi come di sicuro meritate.

Ed ecco perchè dovete cominciare subito (ma non è mai troppo tardi):

1 Perchè a medio/lungo termine i conti tornano;
2 Perchè ci sono segreti che dovete conoscere.

(Come avete investito negli ultimi 20 anni? Quanto hanno reso sul serio i vostri risparmi?

Sono domande molto semplici, ma a cui farete fatica a dare una risposta sicura. Provateci e fatemi sapere.)

E' proprio così: bisogna cominciare subito ad investire e va fatto in modo Intelligente, continuo, indipendente e paziente, come vi raccontiamo noi di Fw dal 1999 e come facciamo nei nostri Premium.

E questo perché (qualche statistica, perdonatemi):

-100.000 euro che non sono stati investiti o sono stati investiti male e non hanno reso nulla in questi ultimi 20 anni, oggi sono diventati (in media) circa 80.000 euro per  colpa dell'inflazione e delle commissioni, un vero disastro;

-100.000 euro che sono stati investiti solo in reddito fisso, con un interesse medio annuo del 2%, oggi sono diventati 148.000, davvero pochino se poi gli togliete l'inflazione, le tasse e le commissioni (che sono sempre di più di quanto immaginate, e si compongono anche quelle, ma in negativo);

-100.000 euro che invece sono stati investiti nel mercato finanziario globale, sono cresciuti di circa il 6% medio ogni anno al lordo dell'inflazione e nonostante le bolle blu, e adesso sono diventati quasi 321.000 euro. Ma da questo risultato dovete ancora togliere costosissime intermediazioni e commissioni che possono arrivare fino all'85% dei vostri profitti. Sapete quanto fa 221.000 meno l'85%? 33150 euro ... Questo è quello che è rimasto (davvero) agli investitori gestiti. Controllate;

-100.000 euro che invece siano stati investiti autonomamente ed intelligentemente, per battere il mercato finanziario globale, e siano riusciti a portare a casa, pagando on line basse commissioni fisse e nessun altro costo nascosto, anche solo qualche punto in più della media degli indici, diciamo il 10,4% che è  quello che sta facendo il mio In Borsa con Carlà dal 2004  ad oggi, al 10,4% annuo i 100.000 euro sarebbero diventati 724.000 euro. Pagando solo un abbonamento annuale. Niente commissioni percentuali (che sono il problema numero 1) ...


Riassumendo: cosa pensate di fare nei prossimi 10 anni?

Se volete continuare a stare alla finestra, nel 2021 i vostri 80.000 euro saranno diventati molti, molti di meno e sarete parecchio più poveri.

(Temo che questa predizione sia andata più che mai a segno considerando quanto sono stati difficili per il risparmiatore italiano gli anni tra il 2011 e il 2020 ...)

Se volete continuare ad 'investire' in titoli a reddito fisso tutti i vostri risparmi, nel 2021 i vostri soldi avranno, a malapena tenuto il passo con l'inflazione.

Sarete più poveri. (E' andata anche peggio di così purtroppo) ...

Se volete continuare a finanziare i piranhas dei mercati finanziari e ad alimentare le carriere dei money manager globali che hanno riempito di scandali le pagine dei giornali in questi anni, nel 2021 i vostri soldi avranno fatto molto peggio della media degli indici globali e voi non avrete imparato nulla di nuovo.

(Giudicate voi stessi se non è successo sul serio ...)

Se invece non avete ancora mai usato i Premium indipendenti di Finanza World che hanno seguito e indirizzato in questi anni centinaia di migliaia di investitori, raggiungeteci subito e nel 2021 potreste fare molto meglio degli indici e di sicuro non spenderete nulla in commissioni e altri costi occulti e indecifrabili.

(Anche qui lascio il giudizio a voi stessi ...)

Non basta: diventerete di certo molto più consapevoli sulla gestione diretta dei vostri capitali, esattamente com'è successo a tutti i nostri lettori e abbonati in questi anni.

Avrete ripreso in mano il vostro denaro e trovato, finalmente, un po' di (meritatissima) Felicità finanziaria.


E' tutto. Anzi no. Posso ancora suggerirvi:

FC Consiglia:  francescocarla.it/fcconsiglia

E il mio nuovo Podcast settimanale:
https://www.spreaker.com/show/finanzaworld-fc-consiglia

Così possiamo sentirci oltre che leggerci ...


Un caro saluto a tutti,

Vs. Francesco Carlà
f.carla@finanzaworld.it


Non lasciatevi sfuggire l'edizione 2020 del libro/corso "Comincia ad Investire Con Carlà"! con il suo famoso Metodo!
In venticinque Capitoli Francesco Carlà vi spiega tutto quello che dovete sapere per operare in Borsa in piena autonomia e diventare Investitori Intelligenti.
Acquistatelo subito cliccando qui




Segnala questo articolo ad un amico


Prova gratis i nostri Premium che battono gli indici e creano Indipendenza e felicita' finanziaria



Navigazione suppletiva

Per avere i migliori e piu' aggiornati consigli vi invitiamo a visitare le pagine seguenti: