Tutto quello che avresti voluto sapere sul denaro, sul risparmio, sugli investimenti e sulla finanza che non hai mai osato chiedere!


di Francesco Carla'
Il Master "Investi Personalmente" con Francesco Carla' e' l'esclusivo videocorso in 30 lezioni per imparare a gestire in modo Autonomo e Indipendente i propri Investimenti.

CLICCA QUI per saperne di piu'.

Da Zero A Investitore Intelligente

Consulta subito
l'edizione digitale


SuperMaster Live con
Francesco Carla'
>> Entra

Scopri tutti gli
strumenti per fare
di te un investitore
>> Entra



di Francesco CarlĂ 
Archivio Ultimo articolo Scopri la newsletter sulla finanza e sui mercati

Tre brutti errori finanziari e come risolverli

del 22/05/2017
di Francesco CarlĂ 
Vi scrivevo questa newslettera giusto
quattro anni fa. Un nuovo Fwiano chiedeva
il mio aiuto a proposito di disavventure
finanziarie passate.

Una cosa che succede spesso: sono sempre
molte le persone che arrivano a FinanzaWorld
come se fosse un pronto soccorso.

Poco male: si può sempre ripartire bene.

Penso che vi faccia comodo leggerla di nuovo
anche perchè ho aggiunto alcune considerazioni
che forse possono interessarvi.

In particolare il terzo punto (errore numero 3)
della lettera è particolarmente istruttivo anche
e proprio alla luce di questi quattro anni che sono
passati e che ci dicono com'è andata: i titoli
bancari hanno continuato a perdere rovinosamente.

Buona lettura.


"Ho ricevuto una lettera molto interessante.

Mi scrive Angelo M. per mettermi a parte
di un tormento che, lo dice lui, gli fa perdere
il sonno. Si tratta di una missiva molto lunga
e quindi la riassumo un po' di seguito.


-Angelo M.
"Ho fatto tre errori nella mia vita finanziaria.
Uno di seguito all'altro. E ho solo 35 anni.

Mi dico spesso che tutti possono sbagliare e che
ci deve pur essere un modo per uscire da questa
situazione che mi angustia.

Ecco gli errori:

Il primo: Ho dato retta ai consigli di un "esperto"
             finanziario che, a giudicare da risultati,
             non aveva affatto esperienza. Non pensavo
             che un singolo consiglio sbagliato, anche se
             reiterato nel tempo (circa un anno) potesse
             produrre tanti danni al mio portafoglio.

-Carlà: Fare un errore succede a tutti. Buffett ha fatto
un errore gigantesco, lo dice lui e lo penso anche io,
quando prima ha comprato una vecchia industria tessile,
Berkshire Hathaway, e poi si è incaponito per anni
a cercare di ristrutturarla.
Alla fine ha dovuto chiuderla. Il punto quindi non è
l'errore. Il punto è il Metodo, i filtri mentali che ti aiutano
a minimizzarne l'impatto. Che a volte, come nel caso
del nostro new Fwiano, può essere devastante.


Il secondo: Ecco il consiglio sbagliatissimo: ho ereditato
                 un grosso portafoglio azionario da mio padre.
                 Sto parlando di una somma con molti zeri. La
                 maggior parte di queste azioni erano e sono
                 titoli bancari e altre azioni dell'indice della Borsa
                 di Milano. Quando sono cominciati i guai,
                 nell'autunno del 2008, e i miei titoli hanno
                 cominciato a scendere, ho chiesto consiglio a
                 questo "esperto" sul da farsi. Il suo consiglio
                 è stato netto: tenere tutto senza fare nulla.
                 Tanto si trattava di titoli tranquilli che pagavano
                 dividendi. Sarebbero risaliti molto presto e senza
                 problemi di ansia.

-Carlà: Il punto è infatti evidente: Angelo ha pensato che
potesse gestire la sua situazione delegando tutte le responsabilità
e le 'fatiche' ad un terzo. Un "esperto" che lui non poteva capire
se fosse davvero tale. Infatti non lo era.


Il terzo: Non sono affatto risaliti. Anzi hanno continuato a
            scendere. Quasi metà del mio pfolio azionario,
            due anni, dopo, se n'è andato. E molto spesso
            non hanno pagato nemmeno i dividendi. Il risultato
            è che adesso, elaborato il lutto della perdita e dei
            miei errori che ho elencato, non so cosa fare. Vendo
            e monetizzo la perdita? Tengo e spero che risalga
            il portafoglio (ma se poi continuano a calare?)? Esiste
            una terza possibilità?

-Carlà: La terza possibilità è capire quello che stai facendo.
Capire il valore reale delle aziende di cui possiedi le azioni.
Investire è sempre e prima di tutto capire. A FinanzaWorld
investiamo SOLO in quello che capiamo.


-Francesco Carlà
Angelo ha subito una ferita grave.

Qui non si tratta soltanto di soldi. Il problema è,
come succede spesso in faccende finanziarie, anche
psicologico.

Provate a leggere la sua lettera (e le sue domande) così:

1 Mio papà mi ha lasciato custode di una grande fortuna;
2 Io mi sono fidato di uno che non aveva esperienza;
3 Il risultato è che adesso il mio patrimonio ha perso moltissimo;
4 L'unica cosa che desidero è farlo tornare al punto di partenza.

Ragionare così, molto probabilmente, porterebbe ad ulteriori
perdite sul capitale iniziale.

Quindi, prima di tutto, scordarsi del capitale iniziale
se si vuole davvero cominciare una nuova strada. Il capitale
attuale è il nostro capitale. Stop.

Secondo passaggio: il nostro patrimonio può essere visto in
due modi.

Il primo: le azioni che abbiamo al momento in pfolio e il loro
             valore nominale attuale.

Il secondo: i business che le azioni rappresentano, la qualità
                 di questi business, i fondamentali economici
                 e finanziari.

Nel primo caso abbiamo un capitale che è dato dal prezzo
attuale delle azioni. Ma non sappiamo nient'altro. Pessima
situazione per un azionista.

Nel secondo caso abbiamo un patrimonio che è dato dal reale
valore delle nostre azioni a cui aggiungiamo la conoscenza
dei business sottostanti.

Nessuno dovrebbe detenere azioni se non rientra nel secondo caso.


Credo che sia molto chiaro, allora, cosa dovrebbe fare
Angelo M. (e tutti quelli che si trovano in situazioni
analoghe) per uscire da questa scomodissima condizione:

Primo: riconoscere il proprio capitale attuale dopo l'errore grave;
Secondo: riconoscere il profilo giusto di un investitore azionario.

Per ottenere il primo risultato bisogna guardare in faccia
la realtà e scacciare ogni idea di impossibili e perdenti
scorciatoie. Sono solo pericolossime scommesse.

Per ottenere il secondo risultato bisogna usare i 5 Principi
della Finanza Democratica:

1 Nessuno sa può curare il nostro denaro meglio di noi;

2 Imparare ad investire è molto semplice e non serve
essere laureati in economia e scienze finanziarie.
Basta essere correttamente informati da chi è
Strutturalmente Indipendente(*) e non deve vendervi
nessun tipo di prodotti finanziari. Basta saper
fare addizioni, sottrazioni, moltiplicazioni,
divisioni, percentuali, e medie;

3 Grazie ad Internet, è facile e costa molto poco
investire da soli e senza intermediari. E' sufficiente
aprire un conto bancario on line e le commissioni
sono basse e alla portata di tutti gli investitori.

4 Investite solo in quello che capite e conoscete.

5 Non fidatevi di nessuno che vi proponga cose
in contrasto con i punti 1, 2, 3 e 4.

(*) Strutturalmente Indipendente è SOLO
chi guadagna se guadagnate voi. Non chi guadagna
anche quando voi perdete.


Un caro saluto a tutti,

Vs. Francesco Carlà
f.carla@finanzaworld.it

 

Iniziate subito e senza impegno la vostra Maratona
dell'Investimento.
Vi basta cliccare qui per cominciare a correre Gratis:

"In Borsa con Carla'"
"FC Small Caps"
"In Borsa In Italia"
"In Borsa In Europa"
"InvestitoreIntelligente ETF&Global"
"Obbligazioni Italia&Euro"





Segnala questo articolo ad un amico


Prova gratis i nostri Premium che battono gli indici e creano Indipendenza e felicita' finanziaria



Navigazione suppletiva

Per avere i migliori e piu' aggiornati consigli vi invitiamo a visitare le pagine seguenti: