Tutto quello che avresti voluto sapere sul denaro, sul risparmio, sugli investimenti, e sui servizi finanziari, e non hai mai osato chiedere!


di Francesco Carla'
Il Master "Investi Personalmente" con Francesco Carla' e' l'esclusivo videocorso in 30 lezioni per imparare a gestire in modo Autonomo e Indipendente i propri Investimenti.

CLICCA QUI per saperne di piu'.

Da Zero A Investitore Intelligente

Consulta subito
l'edizione digitale


SuperMaster Live con
Francesco Carla'
>> Entra

Scopri tutti gli
strumenti per fare
di te un investitore
>> Entra



di Francesco CarlĂ 
Archivio Ultimo articolo

Scopri la newsletter sulla finanza e sui mercati


Risparmiare per la pensione

del 31/08/2016
di Francesco CarlĂ 
Le pensioni italiane non tengono
il passo con i salari.

Chi oggi ha piu' o meno 50 anni e andrà in
pensione negli anni '20 del 2000, potrà contare su un
mensile che varrà circa il 57 per cento dello stipendio.

E vent'anni dopo la situazione peggiorera' secondo il Cnel:
i trentenni di oggi avranno una rendita che
corrisponderà solo al 37 per cento.

Uno scenario sempre piu' simile a quello
americano. Un po' di numeri forse istruttivi.

56580 euro. Ecco il gruzzolo medio pensionistico
che hanno messo assieme gli americani medi.
Bastano per andare in pensione a 65/67 anni?

Nemmeno per sogno. Ma allora quanti soldi ci
vogliono considerando un 'aiuto' da parte Inps
medio diciamo del 30/40% che per lavoratori
autonomi e professionisti potrebbe essere
perfino ottimistico fra una trentina d'anni?

Secondo i calcoli di Fidelity investments,
un quarentenne dovrebbe aver gia' messo
via piu' o meno due volte il suo stipendio
lordo annuale, un quarantacinquenne tre volte,
un cinquantenne quattro volte.

L'obiettivo e' avere a disposizione circa
otto volte il proprio salario annuale attuale,
per poter affrontare la pensione.

Insomma se oggi guadagna circa 60.000 euro
all'anno, dovrebbe avere piu' o meno mezzo
milione al momento del ritiro. Ovviamente
rivalutato per reggere l'impatto dell'inflazione.

Ma e' proprio questo il punto. Non bastera'
saper risparmiare bene. Bisognera' imparare
ad investire molto meglio, senza contare piu'
di tanto nella rivalutazione degli immobili.

Un esempio. Risparmiando 3000 euro
all'anno (indicizzati per 30 anni) con
un interesse medio annuale del 3%, nel 2040
potremo contare solo su circa mezzo
milione di euro (per la precisione 497.308,
soldi molto svalutati nel 2040 ovviamente)
da aggiungere alla nostra pensione.

Se invece l'interesse
medio dei nostri investimenti fosse l'8%,
due punti in meno del rendimento delle
Borse globali negli ultimi 30 anni, nel
2040 il nostro capitale andrebbe su fino
a 1.253.646 euro.

Cosi' forse potremo andare in pensione
qualche anno prima. Fornero o non Fornero.

Francesco Carla'
Presidente
www.finanzaworld.it




Chi e' Francesco Carla'

Segnala questo articolo ad un amico

Scrivi a Francesco Carla'


Prova gratis i nostri Premium che battono gli indici e creano Indipendenza e felicita' finanziaria



Navigazione suppletiva

Per avere i migliori e piu' aggiornati consigli vi invitiamo a visitare le pagine seguenti: