di Francesco Carlà

Dal diario di Laura ... (parte prima)

del 12/04/2021 di Francesco Carlà
Un po' più di 7 anni fa pubblicavo questa lettera che desidero riproporvi per due ragioni:

La prima: sono sempre di più le donne Abbonate Premium di Fw. Una cosa che mi (ci) fa molto piacere. Nel 1999, e per diversi anni, investire sembrava solo una cosa da uomini.

La seconda: Nel frattempo Laura Rossi (generalità non reali) si è arricchita parecchio, è andata in pensione e si sta occupando dei figli e dei suoi investimenti.

Buona lettura.


"Mi chiamo Laura Rossi, ho 45 anni e vorrei raccontarvi la mia storia. Secondo me può essere utile a tanta gente.

Il mio lavoro somiglia a quello di molti italiani della mia generazione: piccola impresa ereditata dai genitori e dai nonni, non si stacca mai, fatica, tasse e qualche soddisfazione. Negli ultimi anni meno.


Tre generazioni di lavoro e risparmio hanno creato un patrimonio.

Un patrimonio che somiglia a quello di tanti altri piccoli imprenditori e professionisti italiani, immagino: qualche immobile, tra cui la casa dove vivo, buoni del Tesoro e un po' di altri titoli in portafoglio.

Fino a due anni fa soprattutto fondi di vario genere.

Un giorno mi sono imbattuta in questa tabella: (Eccola in versione aggiornata, ma la sostanza è la stessa - nota di FC)
https://www.finanzaworld.it/static/img/email/Tabella2020.jpeg

Per una volta era semplice da capire e la fonte mi diceva qualcosa (FinanzaWorld):

Il peggior investimento possibile, a lungo termine (1926/2012), è quello monetario (Bot/conti deposito etc): tolte le tasse e l'inflazione ci si rimette quasi l'1% all'anno (-0,8%).

Seguono le obbligazioni (societarie e di stato): sempre al netto di tasse ed inflazione si prende solo lo 0.6% netto, ogni anno in media.

Poi arrivano le azioni: dal 1926 al 2012, una vera Maratona, hanno guadagnato il 4,5% medio all'anno, al netto di tasse ed inflazione.

Wow. Per mestiere capisco la differenza tra le percentuali e so distinguere tra lordo e netto. Quindi sono andata di corsa su Google e ho trovato due altre cose molto interessanti:

La prima: un calcolatorino dell'interesse composto;
La seconda: un articolo di Francesco Carlà.

Usando il calcolatorino ho scoperto che:

Usando i Bot praticamente i soldi si dimezzano strada facendo (100.000 euro 'investiti al -0,8% diventano dopo 86 anni 50.119);

Usando le obbligazioni i soldi crescono un po', ma molto lentamente (100.000 euro investiti allo 0,6% diventano dopo 86 anni 167.273);

Usando le azioni i soldi crescono molto e quando dico 'molto' voglio proprio dire Molto (100.000 euro investiti al 4,5% diventano dopo 86 anni 4.405.558).

Naturalmente non è detto che quello che è successo dal 1926 al 2012, in Usa, si ripeta esattamente. Ma certo la differenza mi ha piuttosto impressionata.

E sono tornata su Google.

Ho scritto "investitore intelligente" sul motore di ricerca ed è venuto fuori questo articolo di Francesco Carlà:
https://www.finanzaworld.it/blog/da-zero-ad-investitore-intelligente-prima-puntata-linizio-e-il-dilemma

Il titolo sembrava fare proprio al caso mio e anche il linguaggio. Chiaro. Per nulla da 'esperti e addetti ai lavori'.

Quasi subito ho letto una parte che mi ha colpita e si ricollegava alla tabella di cui vi ho parlato:

"Essere o non essere, far da solo o farsi gestire?

Il ragionamento classico del risparmiatore al bivio è sempre il medesimo:

'La finanza è roba complicata e tecnica. Non ci capisco nulla. Meglio farmi gestire.'

I risultati degli ultimi 30 e più anni, fonte Mediobanca quindi attendibile e non certo favorevole al ‘fai da te’, dimostrano che è una pessima idea.

In media i cosiddetti ‘esperti’ hanno fatto peggio dei Bot che non necessitano di alcuna conoscenza e rendono meno dell’inflazione, quindi bruciano i nostri soldi.

Risultati medi da fine 1998 a fine 2008: Bot: -0,4%, Fondi comuni: -19,8%. (fonte Mediobanca)

E' evidente, allora, che bisogna imparare a far da se medesimi, imparare a investire bene il nostro denaro, diventare Investitori Intelligenti prendendo in mano le sorti dei nostri risparmi senza paura."


A questo punto ho fatto due cose:

La prima: ho letto tutto l'articolo;
La seconda: sono andata sul sito di FinanzaWorld.

E sapete cosa ho trovato? ..."


Laura torna la prossima settimana con le sue scoperte di nuova investitrice intelligente ...


Un caro saluto a tutti,
Vs. Francesco Carlà
f.carla@finanzaworld.it

Ps.
Ci sono altre due rubriche di Francesco Carlà:

FC Consiglia:  francescocarla.it/fcconsiglia
(Ogni 7 giorni un consiglio sul denaro, un libro e un articolo da non perdere. Più una citazione divertente da un genio del passato.)

Seguite il suo Podcast in 30 Episodi e (quasi) 60 consigli (e 60 libri + 30 articoli inevitabili):
https://www.spreaker.com/show/finanzaworld-fc-consiglia


E' partito FWStart! il nuovissimo pacchetto/abbonamento annuale di FinanzaWorld per chi vuole cominciare ad Investire Intelligente!
L’abbonamento a FWStart!, per soli 99 euro all’anno, prevede:

L'edizione aggiornata di "Comincia ad Investire con Carlà 2021": il Corso/eBook di FC con tutto quello che serve per diventare un vero Investitore Intelligente. Contiene anche il suo storico “Metodo di Gestione del Portafoglio” aggiornato di recente

L'abbonamento alle newsletter di Fw: Analisi Italia, Analisi America e Analisi Globale.
Ogni 2 settimane le riceverete via mail e potrete anche accedere a tutto l'archivio storico dal 1999 ad oggi.

Abbonatevi subito al prezzo speciale di 99 euro cliccando qui:
https://www.finanzaworld.it/product/view/69780ee6db5f9164fb096ce9ed0140d40a4




Segnala questo articolo ad un amico


Prova gratis i nostri Premium che battono gli indici e creano Indipendenza e felicita' finanziaria



Navigazione suppletiva

Per avere i migliori e piu' aggiornati consigli vi invitiamo a visitare le pagine seguenti: