Tutto quello che avresti voluto sapere sul denaro, sul risparmio, sugli investimenti e sulla finanza che non hai mai osato chiedere!


di Francesco Carla'
Il Master "Investi Personalmente" con Francesco Carla' e' l'esclusivo videocorso in 30 lezioni per imparare a gestire in modo Autonomo e Indipendente i propri Investimenti.

CLICCA QUI per saperne di piu'.

Da Zero A Investitore Intelligente

Consulta subito
l'edizione digitale


SuperMaster Live con
Francesco Carla'
>> Entra

Scopri tutti gli
strumenti per fare
di te un investitore
>> Entra



di FinanzaWorld staff
Archivio Ultimo articolo

Scopri il servizio per investire in azioni


Buzzi Unicem, dopo il calo in Borsa valutazioni molto più interessanti

del 9/01/2019
di FinanzaWorld staff
Dopo la pausa natalizia ritorna Analisi Italia e lo facciamo parlando di Buzzi Unicem, una delle maggiori società italiane nel settore del cemento.

La società ha radici che risalgono al 1907, quando venne fondata la F.lli Buzzi Cementi. L'attuale gruppo altro non è che questa originaria azienda che nel corso del tempo ha acquisito i gruppi Unicem dalla finanziaria della famiglia Agnelli e, più avanti, il gruppo tedesco Dyckerhoff.

Entrambe queste due ultime aziende, Unicem e Dyckerhoff, hanno origini ancora più antiche, dato che la loro fondazione risale addirittura alla seconda meta' dell'800.

Buzzi Unicem rappresenta oggi una realtà operante in ben 12 paesi e con circa 10.000 dipendenti, con posizioni di rilievo in Italia, dove è il secondo operatore con una quota dimercato del 16%, e poi USA, Germania ed Est Europa.

Nell'anno record, il 2008, il gruppo ha raggiunto un fatturato superiore ai 3,5 miliardi di euro e utili netti per 465 milioni.

Con la crisi delle costruzioni iniziata proprio dal 2008, la società non è più riuscita a raggiungere questi livelli. Solo nel 2017 i profitti sono tornati a sfiorare i 400 milioni di euro, su ricavi comunque inferiori ai 3 miliardi.

Di fatto, dopo la crisi del 2008 la società per anni ha operato una ristrutturazione del business e nonostante qualche annata in rosso, il gruppo è poi riuscito a tornare al profitto, fino appunto ai buoni numeri del 2017.

Nel 2018, nei primi sei mesi i ricavi sono scesi leggermente, ma l'utile netto è stato leggermente superiore. Anche i ricavi dei primi 9 mesi confermano sostanzialmente uno scenario di stabilità.

Il titolo in Borsa è sceso molto dai massimi dei 2017, arrivando a perdere circa il 40%, di cui oltre il 30% solo nel 2018.

Le valutazioni sono ora più interessanti rispetto ad un paio di anni fa e il titolo merita sicuramente di essere tenuto sotto osservazione.


Iniziate subito e senza impegno la vostra Maratona dell'Investimento.

Vi basta cliccare qui per cominciare a correre Gratis e vedere tutti
i nostri titoli in pfolio che stanno facendo molto meglio degli Indici dal 2004. Potrete anche accedere all'intero archivio e al famoso Metodo di Francesco Carlà (che potrete tenere per voi in ogni caso):

"In Borsa con Carla'" (Wall Street)
"FC Small Caps" (Wall Street)
"In Borsa In Italia" (Azionario Italia)
"In Borsa In Europa" (Azionario Europa)
"InvestitoreIntelligente ETF&Global"
"Obbligazioni Italia&Euro"

I links relativi li trovi qui:

https://www.finanzaworld.it/statico/page/1/premium




Segnala questo articolo ad un amico


Prova gratis i nostri Premium che battono gli indici e creano Indipendenza e felicita' finanziaria



Navigazione suppletiva

Per avere i migliori e piu' aggiornati consigli vi invitiamo a visitare le pagine seguenti: