Tutto quello che avresti voluto sapere sul denaro, sul risparmio, sugli investimenti e sulla finanza che non hai mai osato chiedere!


di Francesco Carla'
Il Master "Investi Personalmente" con Francesco Carla' e' l'esclusivo videocorso in 30 lezioni per imparare a gestire in modo Autonomo e Indipendente i propri Investimenti.

CLICCA QUI per saperne di piu'.

Da Zero A Investitore Intelligente

Consulta subito
l'edizione digitale


SuperMaster Live con
Francesco Carla'
>> Entra

Scopri tutti gli
strumenti per fare
di te un investitore
>> Entra



di FinanzaWorld staff
Archivio Ultimo articolo

Scopri il servizio per investire in azioni USA


Liquidity Services, è un business ancora sostenibile?

del 17/03/2017
di FinanzaWorld staff
Liquidity Services (NASDAQ:LQDT) è 
un'azienda americana che, attraverso
il suo sito liquidity.com, offre un
di asta su prodotti di
magazzino in eccesso, destinato ad aziende
ed enti governativi.

Una sorta di eBay (NASDAQ:EBAY) del mondo
business.

La società offre complessivamente
circa 500 categorie di prodotti
industriali, che spaziano da macchine
elettroniche a componentistica per
l'industria energetica e aerospaziale,
dalle forniture navali all'hardware.

Una gamma di assortimento che permette
anche di mantenere un po' di anticiclicità.

L'idea della società era ed è ancora
quella che nel mondo del business e
delle organizzazioni in genere ci sono
continuamente dei surplus, in termini
di scorte di magazzino o beni capitali
non utilizzati o sottoutilizzati. L'azienda
si propone di trasformare questo surplus
in opportunità, favorendo l'incontro tra
questa offerta e la domanda.


Negli anni la società ha ottenuto dei
buoni risultati, anche se negli ultimi
esercizi le cose sono un po' peggiorate
e sembra che il business stia perdendo un
po' di appeal.

I ricavi, da quasi 500 mln di dollari nel 2014
sono scesi a poco più di 300 mln nel 2016
e se 2 anni fa la società aveva un utile operativo
ed un utile netto, oggi entrambe le componenti
sono negative. La perdita operativa è circa
34 milioni di dollari, mentre la perdita
complessiva è di 60 milioni.

Anche al netto di 20 milioni di dollari di
oneri straordinari, il risultato sostanzialmente
non cambia.

Il titolo in Borsa si è un po' ripreso dopo
i minimi del 2016 e gli analistii si aspettano
comunque un calo delle perdite per i prossimi
anni.

Nel complesso, comunque, la società sembra
avere un business model non più così attraente
e sicuramente ci sono in circolazione società
molto più interessanti.

***********************************
MINI-CORSO GRATUITO IN PROMOZIONE:
IL MEETING con FRANCESCO CARLA'
30 Minuti con il prof. Carlà e i suoi esempi pratici,
per capire cos'è e come funziona la Finanza Democratica
e perchè ha fatto +240% dal gennaio 2004 (Indice +97%).
http://www.francescocarla.it/meeting/
Iscriviti gratuitamente inserendo la tua email
o accedi subito con Facebook
****************************************




Segnala questo articolo ad un amico


Prova gratis i nostri Premium che battono gli indici e creano Indipendenza e felicita' finanziaria



Navigazione suppletiva

Per avere i migliori e piu' aggiornati consigli vi invitiamo a visitare le pagine seguenti: