Tutto quello che avresti voluto sapere sul denaro, sul risparmio, sugli investimenti, e sui servizi finanziari, e non hai mai osato chiedere!


di Francesco Carla'
Il Master "Investi Personalmente" con Francesco Carla' e' l'esclusivo videocorso in 30 lezioni per imparare a gestire in modo Autonomo e Indipendente i propri Investimenti.

CLICCA QUI per saperne di piu'.

Da Zero A Investitore Intelligente

Consulta subito
l'edizione digitale


SuperMaster Live con
Francesco Carla'
>> Entra

Scopri tutti gli
strumenti per fare
di te un investitore
>> Entra



di FinanzaWorld staff
Archivio Ultimo articolo

Scopri il servizio per investire in azioni USA


Bridgepoint, alle prese con il calo del fatturato

del 3/03/2017
di FinanzaWorld staff
Bridgepoint Education è una delle più
importanti società USA nel settore dei
Premium formativi ed istruzione post-secondaria.

Complessivamente, la società offre circa
1570 corsi specialistici, 80 corsi di laurea,
145 specializzazioni, il tutto sia a livello
di laurea di base, sia master e programmi di
dottorato. Le discipline coperte vanno dal
business alla psicologia, dalle scienze sociali
alla psicologia e molto altro ancora.

I corsi vengono offerti tramite le due
istituzioni accademiche che fanno capo alla
società, cioe' la Ashford University e la
University of the Rockies e gli studenti
che complessivamente frequentano i corsi sono
circa 63.000, sia on line, sia nei campus
"fisici" in Colorado e Iowa.

Bridgepoint è una delle società che si
è ritagliata, in USA, uno spazio nel lucrativo
mercato dell'istruzione e formazione.

Un settore dove, però, la concorrenza è
notevole e infatti negli ultimi anni i risultati
economici sono progressivamente peggiorati.

Se nel 2013 la società aveva un fatturato di
750 milioni e un utile operativo di 68 milioni,
nel 2015 i ricavi erano scesi a 560 milioni e
i profitti operativi si erano trasformati in
una perdita di 42 milioni.

Per quanto riguarda il 2016, le cose stanno parzialmente
migliorando.

Infatti, il fatturato continua a scendere e nei
primi nove mesi dell'anno si è attestato a 407
milioni di dollari, contro i 430 nello stesso periodo
2015.

Tuttavia, migliora un po' la marginalità della società.

Infatti, la perdita operativa scende da 36 a 21 milioni,
mentre la perdita netta scende da 63 milioni a 16 milioni.

Nel complesso, la società non è sicuramente una scelta
primaria di investimento, visto che il suo business
sta avendo non pochi problemi, tuttavia il management
sta progressivamente provando a migliorare la situazione
e qualche risultato sembra esserci.

Può essere quindi interessante monitorare il titolo
per valutare possibili opportunità in caso di completamento
della ristrutturazione aziendale.

***********************************
MINI-CORSO GRATUITO IN PROMOZIONE:
IL MEETING con FRANCESCO CARLA'
30 Minuti con il prof. Carlà e i suoi esempi pratici,
per capire cos'è e come funziona la Finanza Democratica
e perchè ha fatto +240% dal gennaio 2004 (Indice +97%).
http://www.francescocarla.it/meeting/
Iscriviti gratuitamente inserendo la tua email
o accedi subito con Facebook
****************************************




Segnala questo articolo ad un amico


Prova gratis i nostri Premium che battono gli indici e creano Indipendenza e felicita' finanziaria



Navigazione suppletiva

Per avere i migliori e piu' aggiornati consigli vi invitiamo a visitare le pagine seguenti: