Tutto quello che avresti voluto sapere sul denaro, sul risparmio, sugli investimenti, e sui servizi finanziari, e non hai mai osato chiedere!


di Francesco Carla'
Il Master "Investi Personalmente" con Francesco Carla' e' l'esclusivo videocorso in 30 lezioni per imparare a gestire in modo Autonomo e Indipendente i propri Investimenti.

CLICCA QUI per saperne di piu'.

Guarda GRATIS le prime 3 lezioni!

Clicca subito sui seguenti link:
- Lezione 1 - Livello Iniziale
- Lezione 11 - Livello Intermedio
- Lezione 21 - Livello Avanzato

Da Zero A Investitore Intelligente

Consulta subito
l'edizione digitale


Master Live con
Francesco Carla'
>> Entra

Scopri tutti gli
strumenti per fare
di te un investitore
>> Entra


Intervista a Francesco Carla’


Come faccio ogni settimana, ecco per gli affezionati
Fwiani Bloggers “Affari nostri” di lunedi’ prossimo in
anteprima. Buona lettura.

Non credo sia mai successo in 10 anni di Affari nostri.

In questo numero della mia newslettera che arriva
da un decennio a 350.000 lettori, cedo la parola allo
staff di Finanza World. Ho chiesto di farmi tutte le
domande che desiderano con una sola avvertenza:
mettersi nei panni dei Fwiani. Buona lettura.

“Francesco Carla’ lo ripete da molti anni:

L’unico modo che funziona sempre per battere
gli indici e portare a casa profitti continui e sicuri
e’ scegliere i Vincitori e farli correre per noi.

Se poi li scegliamo in culla ancora meglio.

E’ il caso di alcuni dei suoi Vincitori piu’ famosi,
per esempio Marvel (nyse-mvl) che scovo’ all’indomani
dell’Undici settembre 2001, leggendo da qualche parte
che tra gli effetti collaterali del crollo delle Twin Towers
c’era anche il rifacimento di alcune scene di Spider-man,
ultima speranza, all’epoca, della famosa casa di fumetti.

“Mi ricordo che mi accorsi subito, leggendo i numeri
di Marvel, quanto quella grande e storica azienda
fosse sottovalutata – dice Carla’ – e come le sarebbe
stato facile tirarsi fuori dai guai e diventare una major
della creativita’ Usa.”

La ricordo’ subito ai lettori, e in seguito agli abbonati
di In Borsa con Carla’ e MVL divento’ un Vincitore
con la V maiuscola, superando il 1400% di profitto.

“Ci sono Vincitori in tutti i settori e
sono sempre decisivi in portafoglio.”

Questa e’ un’altra regola che Francesco Carla’
ricorda sempre. Mai fossilizzarsi su un settore,
e mai sottovalutare l’importanza di un Vincitore
all’interno di un portafoglio, vendendolo troppo
presto per paura ed impedendogli di sviluppare
tutto il suo potenziale.

A questo serve il Metodo di gestione portafoglio
che tutti i Fwiani e gli investitori in genere
dovrebbero conoscere bene e usare per il proprio
comportamento finanziario.

Potete cliccare subito qui per conoscerlo anche voi:
http://www.finanzaworld.it/content/read/4850/
il-metodo-di-francesco-carla

“Se avete cinque titoli in portafoglio che vi vanno
in stop loss in un anno, avete perso davvero una
piccola percentuale del vostro capitale.

Ma se siete riusciti ad allevare un solo Vincitore
nello stesso anno, il vostro portafoglio sta gia’
sicuramente battendo gli indici di riferimento”.

E’ il caso del SuperTopEnergetico e del SuperTop dei
Viaggi, due storici Vincitori di IBCC (uno dei due e’
appena tornato in pfolio dopo un eloquente +337%)
oppure del TopAcciaio, il Vincitore di In Borsa in Italia,
il servizio premium di Finanza World dedicato alla borsa
italiana.

Ma potete conoscere tutti i componenti di IBCC
ed IBII ed InvestitoreIntelligente senza spendere
nulla cliccando qui:

http://www.finanzaworld.it/statico/page/1/premium

“Se non seguite una logica ed un Metodo precisi, non
riuscirete mai a far crescere i vostri investimenti
con regolarita’ e tranquillita’. continuerete a fare
errori che pagherete troppo cari.”

Il Metodo di Francesco Carla’ e’ molto semplice, il piu’
semplice che ci sia in giro, eppure funziona molto bene
sia nei mercati Toro che in quelli Orso, nei rialzi e
nei ribassi, perche’ tiene sotto controllo, con pochissime
mosse, tutte le cose che davvero contano negli investimenti:

1 La gradualita’ e il timing degli investimenti;
2 Il controllo delle perdite;
3 La protezione dei profitti;
4 Gli impulsi psicologici;
5 La forza dei Vincitori.

Molti dei nostri migliaia di abbonati premium, considerano
il Metodo fondamentale e decisivo per i loro successi
in Borsa e negli investimenti, almeno quanto la qualita’
delle scelte dei Vincitori di questi mesi ed anni:

“E’ facilissimo seguire Francesco Carla’ ed e’ questa
semplicita’ che mi ha fatto subito capire che avevo
finalmente trovato il modo di avere successo nella
gestione dei miei risparmi.” (Marco Sorrento-Milano).

Con le parole piuttosto eloquenti del prof:
“Se una cosa non e’ semplice da usare non serve a niente.”

Altre due cose fondamentali sono:

1 Il fattore tempo;
2 Battere il mercato.

Forse ricordate la newslettera ‘Il portafoglio di Lodovico‘?
Carla’ si attiro’ parecchie critiche dai politically correct,
perche’ aveva insegnato a suo figlio ad investire gia’ a 10
anni, semplificando ancora di piu’ il suo Metodo per renderlo
comprensibile ad un bambino.

Cominciare ad investire prestissimo e’ importantissimo:

Un piccolo capitale anche di soli 5000 euro,
aggiungendone poi 10.000 medi all’anno di altri risparmi,
possibilissimo considerando la lunga durata dell’investimento,
facendolo con continuita’ per 50 anni con un interesse
medio del 6%, diventa un bel patrimonio di oltre tre
milioni di euro! (3.169.661 per la precisione).

E cosi’ avete sfruttato Il Fattore Tempo.

Ma guardate adesso cosa succede se riuscite a battere
il Mercato, magari con l’aiuto di Francesco Carla’ e dei
nostri servizi premium e ci riuscite con regolarita’:

Il vostro capitale dei soliti 5000 euro,
aggiungendone poi 10.000 medi all’anno di altri risparmi,
possibilissimo, ripetiamo, considerando la lunga durata
dell’investimento, e continuando a farlo per 50 anni
con un interesse medio del 10%, diventa una ricchezza di
di oltre 13 milioni di euro!!! (13.389.948.per la precisione).

Battere il mercato fa 10.000.000
(Dieci milioni di euro) di differenza.
E allora ecco cosa potete imparare se cliccate qui:

http://www.finanzaworld.it/statico/page/1/premium

1 La gradualita’ e il timing degli investimenti;
2 Il controllo delle perdite;
3 La protezione dei profitti;
4 Gli impulsi psicologici;
5 La forza dei Vincitori.

E poi:

6 Il fattore tempo;
7 Battere il mercato.

Per come la vediamo noi, per creare la vostra
Felicita’ Finanziaria avete solo due opzioni:

Affidarvi a gestori e fondi che negli ultimi 20 anni
(dati Mediobanca) hanno fatto peggio dei Bot
con rischi moooolto diversi da quelli dei Bot;

Oppure imparare ad investire da soli, non pagando
piu’ commissioni che sono triple di quelle americane
(1.71% medio annuo, sempre dati Mediobanca) e
usando i nostri servizi premium indipendenti e trasparenti,
che potete studiare subito e gratis cliccando qui:

In Borsa Con Carlą

In Borsa In Italia

InvestitoreIntelligente ETF&Global

FW Obbligazioni Italia&Euro

E per conoscere in anteprima i titoli che sto monitorando,
in vista di un loro possibile inserimento nel portafoglio
modello di “In Borsa In Italia”, sta per partire
il nuovo servizio “Watchlist Italia“.

E’ uno strumento unico per l’investitore che desidera
operare in piena autonomia, o il complemento ideale
per gli abbonati al servizio “In Borsa In Italia“.

Con Watchlist Italia riceverete un aggiornamento
settimanale di tutte le societą quotate a Piazza Affari
che ho selezionato e tengo d’occhio per un eventuale
ingresso in portafogli.

Cliccate subito qui:
http://www.finanzaworld.it/content/test/10418/watchlist-italia

Un caro saluto a tutti,

Vs. Francesco Carla’

36 Commenti su “Intervista a Francesco Carla’”

  1. Francesco Carlą:

    … a proposito di capitalisti all’italiana, e giusto per rinfrescare la memoria dei Fwiani che e’ comunque la piu’ allenata tra quelle degli investitori italiani, ecco un botta e risposta interessante che magari vi era sfuggito …

    IL MAGRO BILANCIO DELLA M&C DA SALVATRICE DI AZIENDE ALL’OPA
    Massimo Mucchetti per il “Corriere della Sera”

    Nel 2005 Management & Capitali, in sigla M&C, doveva diventare il luogo d’incontro di vecchi e nuovi capitani d’industria che, con l’appoggio della finanza internazionale, avrebbero salvato le imprese sull’orlo del fallimento. Trent’anni prima, delle stesse buone intenzioni lo Stato aveva lastricato le vie della Gepi. Ma con M&C, ideata da un «condottiero» come Carlo De Benedetti e guidata dall’ex olivettiano Corrado Ariaudo, sarebbe stato diverso.

    All’inizio, M&C ha esaminato i dossier pił scottanti: certo Alitalia, probabilmente Fiat. Ma niente di grande ha intrapreso, nonostante il capitale di 550 milioni. In quattro anni ha fatto quattro investimenti: Saiag-Comital, alluminio, Treofan, plastiche, Tiscali e il Lanificio Botto. In tutto, 180 milioni, per almeno due terzi perduti. Adesso questa societą dalle grandi ambizioni si č ridotta a ridistribuire ai suoi soci eccellenti gran parte della liquiditą rimasta (250 su 313 milioni) e a subire la piccola Opa dei Segre di Torino, alleati storici dell’Ingegnere ma anche partner dell’immobiliarista d’assalto Danilo Coppola.

    Di questa storia di affari mancati resteranno due episodi. Il primo risale, in realtą, alla preistoria di M&C, quando la societą si chiamava Cdb Web Tech e prometteva di investire in fondi della new economy.

    Era una costola della Aedes, vecchia immobiliare milanese. De Benedetti l’aveva lanciata con un aumento di capitale che il mercato si bevve mandando alle stelle il titolo e consentendo al promotore di vendere pacchi di azioni. Per calmierare le quotazioni, si disse.

    L’altro episodio, segnato nelle cronache della finanza e dell’editoria, č quello che non č accaduto. De Benedetti aveva invitato Silvio Berlusconi a mettere un cip da 50 milioni in un’impresa comune presentata come utile anche al Paese. Ma le polemiche sulla strana coppia e la reazione di Repubblica, preoccupata di perdere lettori a sinistra e autonomia dal governo, convinsero l’Ingegnere, che del quotidiano romano č l’editore, a ritirare l’offerta. Visto il bilancio di M&C, Berlusconi ha almeno un motivo di gratitudine verso l’opposizione pił radicale.

    2 – DE BENEDETTI: IL BILANCIO DI M&C
    Lettera di Carlo De Benedetti al “Corriere della Sera”

    Leggo sul Corriere della Sera di ieri il commento di Massimo Mucchetti su M&C. Vorrei dare la mia opinione.

    1) Le performance di un qualsiasi investimento finanziario vanno viste nel contesto dei mercati. Come risulta dai dati di Borsa, M&C su qualsiasi periodo esaminato (dalla data della quotazione, a un anno a questa parte) ha fatto meno peggio di qualsiasi azienda analoga quotata in Italia e di una delle pił grandi aziende di private equity al mondo quotata, Blackstone, e dell’indice SP MIB.

    2) Č la prima volta che accade in Italia che una societą renda i soldi non utilizzati ai propri azionisti che ne sono i legittimi proprietari nel momento in cui non ha ritenuto di avere sufficiente visibilitą per impostare nuovi investimenti.

    3) Tutti gli azionisti hanno avuto equal treatment sia nella riduzione del capitale sia in sede di OPA, pur avendo io ricevuto per le mie azioni un’offerta, tramite Unicredito, a prezzo superiore.

  2. Francesco Carlą:

    … Tutti

    Dopo la bella accoglienza di WATCHLIST America ce l’avete chiesto in tanti ed e’ arrivato. I primi di luglio parte WATCHLIST Italia: la mia watchlist segreta che contiene le societa’ che sto seguendo in vista di un possibile ingresso nel portafoglio azionario italiano di IBII.

    Potete informarvi subito cliccando qui:

    http://www.finanzaworld.it/content/subscribe/10418/watchlist-italia

  3. Francesco Carlą:

    … ed ecco il settimanale riepilogo della MARATONA dell’Investimento premium di Finanza World che continua
    a stracciare gli indici anche nel 2009:

    IBCC (Azionario Wall Street)
    -Totale dal gennaio 2004 ad oggi:
    IBCC: +71%, S&P 500: -5%
    (76 a Zero per IBCC piu’ dividendi)

    InvInt (ETF & Azionario Globale)
    -Totale dal gennaio 2005 ad oggi:
    InvInt: +26%, S&P500: -13%
    (39 a Zero per InvInt piu’ dividendi)

    IBII (Azionario Italia)
    -Totale dal gennaio 2006 ad oggi:
    IBII: +7%, FTSE MIB: -36% (dividendi IBII +6,29%)
    (43 a Zero per IBII piu’ dividendi)

    OBB ITA&Euro (Obbligazionario Italia & Euro)
    -Totale dal gennaio 2007 ad oggi:
    OBB ITA&Euro 2007: +20%, Benchmark: +13,5%

  4. Francesco Carlą:

    … Tutti

    Il mio nuovo libro FINANZA DEMOCRATICA: la guida completa per diventare Investitori Intelligenti, guadagna altre 35 posizioni e, in due settimane, balza al 37esimo posto nella Classifica dei 100 libri piu’ venduti. Davvero non so come ringraziarvi per l’accoglienza:

    http://www.ibs.it/100/100pge.asp?rz=2

  5. G.:

    quando il gioco si fa duro i titoli del prof cominciano a giocare…

  6. Riccardo Marsetti:

    Mi sono perso qualche notizia o cosa ?
    Piazza affari “in generale” e’ un disasto, che e’ successo ???

  7. Daniele Piana:

    una nuova Caporetto?

  8. Roberto:

    un po’ di correzione ogni tanto ci stą…..io in questi momenti mi sparo un grafico a 3 mesi (o a 2 anni), dove queste appaiono come granellini!
    Storicamente ho provato (sulla mia pelle) che pił sto fermo, meglio č per le mie finanze. Quindi (almeno per me) oggi stacco yahoo! Finance e ci riguardo domani…

  9. Francesco Carlą:

    … ben detto …

  10. Daniele Piana:

    …… allora stiamo a vedere per poi eventualmete accumulare.
    Effettivamente si parlava da un pņ di un momento propizio all’accumulo.

  11. Francesco Carlą:

    … seguendo, come sempre, bene e con attenzione le semplici regole del mio metodo …

  12. vanni rossetti:

    Buongiorno a tutti
    Prof volevo chiederle una cosa che non capisco e cioč perchč in pre apertura le quotazioni di un titolo subiscono una variazione di prezzo
    se la borsa non č ancora aperta.
    Io ho provato ad acquistare un titolo in pre apertura ma ho dovuto aspettare l’apertura della borsa e il prezzo era gią cambiato parecchio cosģ ho dovuto rinunciare all’acquisto

  13. Francesco Carlą:

    … rossetti …

    succede perche’ ci sono, specie per i titoli piu’ liquidi e per gli indici, oppure per titoli anche meno grandi ma sotto operazioni (earnings, capitale, fusioni etc) trattative in pre-market …

  14. vanni rossetti:

    Grazie..
    Lo trovo perņ un pņ sleale nei nostri confronti specie se dopo una brutta giornata di borsa si decide di acquistare un titolo e te lo ritrovi in apertura
    salito di quanto aveva perso il giorno prima

  15. Francesco Carlą:

    … rossetti …

    per questo in passato ho sottolineato di evitare gli acquisti in after e pre-hours: di solito i volumi sono bassi, la volatilita’ alta, e gli spread consistenti …

  16. G.:

    me sa che si incomincia a scavą

  17. Alfredo Gaggiotti:

    Dov’e’ finito Magnani?

  18. Daniele Piana:

    …. sarą partito per a Micronesia :-)

  19. alan magnani:

    @Alfredo e Daniele

    sono qui, tornato ieri dal mare col pupo…

    per ora Liguria..per la Micronesia mi sto attrezzando.. :-)

  20. Daniele Piana:

    Felice di risentirti Alan e bentornato, dimmi un pņ eri attrezzato per vedere l’andamento della borsa quando eri via?

  21. alan magnani:

    no no…io quando vado in vacanza sono in vacanza sul serio…non compro neanche i giornali (anzi, solo la gazzetta dello sport…)…

    comunque mi sembra non sia successo nulla di clamoroso sui mercati…

  22. Daniele Piana:

    assolutamente nulla mi pare , ero in ferie anch’io in Francia.

  23. G.:

    Ma, scusate la domanda da novello investitore,il vostro portafoglio non lo contrallate in vacanza? Io un paio di anni fa mi ci sono fatto il fegato amaro… ehm ehm due settimane, boh voi come vi comportate?

  24. Maxmilian Grillo:

    Come al solito siamo in OT, ma la domanda di G. mi sembra interessante …
    Tu stesso scrivi di essere novello investitore quindi e` normale, ma in generale secondo me se non si dorme la notte o non si riesce a stare in vacanza tranquilli, vuol dire che bisogna rivedere l’asset allocation del proprio portafoglio.
    La mancanza di tranquillita`non e` un buon segno, perche` come dice il Prof, innanzitutto bsogna controllare se stessi. Invece senza tranquillita` si tende ad operare troppo e male.

    Io quando sono in vacanza o comunque non posso verificare la situazione del mio portafoglio imposto stop loss automatici (o alert su soglie di prezzo) ed ho l’invio di mail o sms in caso di operazione eseguita.

  25. G.:

    Beh sai quando inizi ad investire non hai la mentlitą, hai la paura di sbagliare o l’ansia di guadagnare subito…

    adesso mi ci sto abituando ma tempo fa avevo delle vere sincopi, anche perché poi imparare a investire quando inizi con la crisi cinese e si conclude con il quasi fallimento di tutto ci si spaventa…

    poi č vero che alla fine ci ho guadagnato mica male e l’appoggio di finanzaworld e del blog aiuta molto a relativizzare…

    in fondo penso che la mentalitą di inizio di tutti č quella speculativa

  26. alan magnani:

    @G

    io distinguo tra speculazione (trading) ed investimento:

    l’investimento, essendo un concetto di lunghissimo periodo, non ha molto senso controllarlo cosi spesso…certo, quando sei davanti al pc č naturale ed automatico, ma non mi ci affanno per nulla….ogni tanto cerco di comprare azioni di societą che penso buone, anche con i consigli del prof, ovvio…e cerco di comprarle ai prezzi + bassi che riesco..
    ovvio che, in vacanza, non me ne puņ fregare di meno di cosa succede…

    invece, la speculazione č un’altra cosa, direi l’esatto opposto…
    quella la faccio quotidianamente e cerco sempre di chiudere le posizioni a fine serata…si chiama trading, e non c’entra nulla con l’investimento, la maratona ed i consigli del prof…
    ovvio che, in vacanza, ci vado senza operazioni di trading aperte…

    ciao

  27. Francesco Carlą:

    … Tutti

    Un Fwiano mi ha appena scritto per dirmi che FINANZA DEMOCRATICA e’ al Primo Posto tra i libri di economia e management in questo momento:

    http://www.ibs.it/reparto/b5/economia-management.html

    Grazie a tutti.

  28. Daniele Piana:

    “Due giapponesi sono stati arrestati al confine tra Italia e Svizzera con l’accusa di voler portare nel Paese elvetico $134 miliardi di Titoli di Stato Usa.”

    Sembra una barzelletta ma pare che sia vero!

  29. Alessandro Crespi:

    dove l’hai letta?

  30. Daniele Piana:

    @ alessandro
    nelle News di WallStreetItalia….

  31. G.:

    A me sembra una panzana…

  32. Daniele Piana:

    se č vero non lo so………… preferisco guardare IBCC che oggi viaggia molro bene!

  33. Francesco Carlą:

    … tre volte meglio dell’indice S&P 500 nel 2009 per essere precisi … sorriso … + dividendi importanti

  34. Livio Donis:

    Il 4 giugno al confine tra Svizzera e Italia l’Agenzia delle Dogane e la Guardia di Finanza hanno sequestrato titoli per 134 miliardi di dollari, un valore equivalente a 6/7 manovre finanziarie.
    Due giapponesi fermati a Chiasso nascondevano nel doppio fondo di una valigia ben 249 bond della Federal Reserve del valore nominale di 500 milioni di dollari ciascuno e
    10 bond Kennedy da un miliardo di dollari.
    L’accaduto trova conferma sul sito della Guardia di Finanza.
    Se i titoli risultassero autentici la sanzione amministrativa per la valuta non dichiarata alla dogana sarebbe pari al 40% della somma eccedente la franchigia ammessa di 10.000 euro, ovvero a 53 miliardi di dollari, che al tasso di cambio euro/dollaro odierno corrisponderebbero a 38 miliardi di euro, praticamente 2/3 manovre finanziarie.
    L’ammontare dei titoli sequestrati č enorme, basti pensare che secondo i dati aggiornati ad aprile 2009 del Dipartimento del Tesoro statunitense la Cina detiene titoli di stato U.S.A. per circa 763 miliardi ed č seguita dal Giappone con 685, dalla Gran Bretagna con 152 e dalla Russia con 137 miliardi.
    Il fatto di cronaca sembra esser stato preso da un romazo di spionaggio. Se i 134 miliardi di dollari di titoli risultassero autentici stabilirne la reale provenienza potrebbe comportare non pochi problemi diplomatici.
    Di fronte al quatitative easing della Fed e agli ingenti interventi fiscali dell’amministrazione statunitense sono diversi gli stati che temono per la perdita di valore delle proprie riserve valutarie denominate in dollari.

  35. Daniele Piana:

    la spy story continua……….
    ma continua anche la maratona, partenza sprint di IBCC :-)

  36. Francesco Carlą:

    … Piana e tutti …

    e’ vero: IBCC sta staccando sempre di piu’, nel 2009 e in assoluto dall’inizio della Maratona USA (gennaio 2004), l’indice S&P 500 …

Lascia un commento:

Per commentare devi essere registrato.




© FinanzaWorld - Tutti i diritti riservati/All rights reserved Partita IVA:04401280757 - Finanza World e' una testata giornalistica fondata e Diretta da Francesco Carla'


Navigazione suppletiva

Per avere i migliori e piu' aggiornati consigli vi invitiamo a visitare le pagine seguenti: