Tutto quello che avresti voluto sapere sul denaro, sul risparmio, sugli investimenti, e sui servizi finanziari, e non hai mai osato chiedere!


di Francesco Carla'
Il Master "Investi Personalmente" con Francesco Carla' e' l'esclusivo videocorso in 30 lezioni per imparare a gestire in modo Autonomo e Indipendente i propri Investimenti.

CLICCA QUI per saperne di piu'.

Guarda GRATIS le prime 3 lezioni!

Clicca subito sui seguenti link:
- Lezione 1 - Livello Iniziale
- Lezione 11 - Livello Intermedio
- Lezione 21 - Livello Avanzato

Da Zero A Investitore Intelligente

Consulta subito
l'edizione digitale


Master Live con
Francesco Carla'
>> Entra

Scopri tutti gli
strumenti per fare
di te un investitore
>> Entra


Archivio di settembre, 2011

E se l’Italia fosse una Famiglia?

venerdì, settembre 30th, 2011

Come di consueto, pubblico in anteprima,
per gli affezionati Fwiani Bloggers, “Affari
Nostri” di lunedì prossimo. Buona lettura.

” La mia newslettera della settimana passata,
“E se l’Italia fosse un’Azienda”, ha suscitato
molti commenti, incluso quello di Carlo Massarini
e di altri editorialisti nei mass media.

Ma, cosa altrettanto importante, ha scatenato
una ridda di osservazioni tra i Fwiani sia a
f.carla@finanzaworld.it che nel mio Blog a
www.finanzaworld.it

Tra questi, applauditissimo, l’intervento di
un Fwiano fin qui silente che non poteva fare
esordio piu’ clamoroso. Titolo: E se l’Italia
fosse una famiglia?

Gli lascio subito la parola.

-Mauro Gargaglione
Caro Professore,

La seguo regolarmente, ma e’ la prima volta
che scrivo. Proviamo a descrivere l’Italia
come una famiglia invece che come un’azienda,
fa piu’ impressione.

Il riferimento e’ all’ultima manovra (per ora!)
e i suoi effetti per il primo anno.

Situazione finanziaria della Repubblica Italiana (*):

-Entrate fiscali 2010: 684.000.000.000 euro

-Stima patrimonio pubblico cedibile:
450.000.000.000 euro

-Spesa pubblica 2010: 751.400.000.000 euro

-Nuovo debito a fine 2010: 67.400.000.000 euro

-Debito pubblico pregresso a fine 2010:
1.740.000.000.000 euro (ora sono piu’ di 1900 miliardi)

-Tagli alla spesa nell’ultima manovra:
2.700.000.000 euro

Per farci un idea delle cifre coinvolte,
rimuoviamo 7 zeri e immaginiamo di parlare
del bilancio di una famiglia:

-Reddito netto 2010 del nucleo famigliare: 68.400 euro

-Valore stimato dell’argenteria nascosta
in cantina: 45.000 euro

-Totale delle spese 2010 della famiglia: 75.140 euro

-Nuovo debito sulla carta di credito
a fine 2010: 6.740 euro

-Totale dello scoperto bancario della famiglia
a fine 2010: 174.000 euro

-Risparmio deciso per il nuovo anno dopo
riunione famigliare: 270 euro!!!

Vi prego di notare l’entita’ delle entrate fiscali:
684 miliardi di euro! Ovvero diversi punti sopra
la media delle entrate fiscali di Gran Bretagna,
Germania, Francia, per stare sulle nazioni di
stazza comparabile alla nostra.

Il nostro stato e’ il piu’ ‘ricco’ in Europa.

Le nostre retribuzioni pero’ sono tra le piu’
basse della UE. Come mai?

Ma com’e’ che tutti piangono per le risorse tagliate?

Ovvio, non possono piu’ garantire la “qualita’” dei
servizi che vengono erogati. La paura e’ che si abbassi
al livello inaccettabile di quelli tedeschi o inglesi!

Tutto cio’ mi pare si commenti da solo.

-Carla’
Pare anche a me. Se invece voi avete commenti da fare
potete inviarli a f.carla@finanzaworld.it

Un caro saluto a tutti,
Vs. Francesco Carla’

* Dati fonte Bortolussi CGIA di Mestre.

Ancora poche ore per provare GRATUITAMENTE
e senza impegno per 45 giorni tutti i principali
servizi Premium di FinanzaWorld.

Dovete soltanto cliccare qui:

In Borsa Con Carlà

In Borsa In Italia

Investitore Intelligente ETF&Global

Obbligazioni Italia&Euro

Perche’ l’Italia non cresce?

mercoledì, settembre 28th, 2011

Trichet, il capo della BCE in scadenza, lascera’ da novembre il posto all’italiano Mario Draghi, dice una cosa semplice nella sua ultima intervista di qualche ora fa: le manovre per il rigore fatte dall’Italia vanno nella direzione giusta. Quello che serve adesso, subito, e’ una manovra per la crescita. Secondo lui (anche secondo me) il nostro Paese ha un potenziale immenso che non esprime. Ed ecco la mia domanda: perche’ non lo esprime? Cosa serve per cominciare ad esprimerlo sul serio?

E se l’Italia fosse un’azienda?

venerdì, settembre 23rd, 2011

A beneficio di tutti i Fwiani Bloggers,
pubblico in anteprima il prossimo numero
di “Affari Nostri”. Buona lettura.

” In Italia non s’era mai vista un’estate
come quella che e’ appena andata in archivio.

Ha fatto caldo nelle citta’, specialmente
a Milano e a Roma.

A Milano c’e’ la Borsa, a Roma c’e’ il
Quirinale, il Parlamento e il Governo,
nell’ordine che preferite voi.

Gli italiani, sotto l’ombrellone, hanno
preso visione di nuove parole chiave da
cercare su Google: Spread, CDS, Bund e
quella piu’ antipatica e temuta: Default.

I Fwiani le conoscono gia’ e quelli Premium
sanno pure come affrontarle e proteggersi.

Gli italiani non Fwiani hanno solo capito
che, di manovra in manovra, le cose possono
andare sempre peggio, com’e’ successo in
Grecia in questi ultimi 12 mesi.

Un mio caro amico mi ha praticamente sconvolto
qualche giorno fa: “Francesco, tu che di
sicuro lo sai, come funzionano e dove si
comprano i CDS per assicurare i miei BTP?

In banca non mi hanno saputo dire nulla!”

C’e’ rimasto molto male quando gli ho detto
che i CDS sono solo per gli istituzionali.

Ed e’ molto dubbia la loro efficacia reale.

Ma adesso che l’estate e’ finita, mi chiedono,
cosa succedera’ in autunno? Davvero non c’e’
piu’ da fidarsi dei Buoni del Tesoro?

Qualche giorno fa ero a Londra e mi hanno
chiamato da Radio Radicale per un’intervista
sulla situazione dei mercati etc etc.

Le domande dei Radicali (e quelle della
Radio Vaticana che mi chiama spesso per la
stessa ragione) m’interessano.

Cosi’ provo, come cerco sempre, di parlare
fuori dal coro. Per capire come andra’ nei
prossimi mesi ho cercato di pensare a come
ragionano i mercati azionari.

Durante l’intervista mi e’ venuto in mente
questa idea: e se provassimo a pensare all’
Italia come se fosse un’azienda quotata?

Quasi sicuramente capiremmo meglio cosa
pensano i mercati delle manovre (e dei rating)
e perche’ lo pensano. Vediamo insieme.

Se un’azienda subisce un ciclo molto negativo,
s’indebita troppo, vede calare i mercati,
colleziona perdite invece che profitti,
di solito a Wall Street succedono, nell’ordine,
le seguenti cose:

La prima: si cambia il management. Nessun
turn around puo’ essere preso sul serio dagli
investitori se e’ gestito dagli stessi dirigenti
che hanno creato la crisi.

La seconda: si mette mano ai costi improduttivi.
Un bravo management di turn around si stringe
attorno al core business, alle zone positive
dell’azienda e taglia i costi superflui.

La terza: si investe nel business che rende,
nei ricavi che portano profitti e migliorano
la qualita’ del marchio, si usano i vantaggi
aziendali e si lasciano perdere i business
che non funzionano.

La quarta: si fanno comunicazioni (poche)
precise e chiare. E si rispettano al millimetro
le promesse. I mercati hanno memoria da elefante
e zampe da lepre.

La mia intervista completa la trovate qui:
http://www.radioradicale.it/scheda/335310

Un caro saluto a tutti,
Vs. Francesco Carla’

Solo per questa settimana (fino al 2-10)
25% di sconto sul Master Live con Francesco
Carlà del 15 ottobre a Bologna.

Tutti gli iscritti riceveranno un attestato di
partecipazione firmato dal Professore.

Per avere le informazioni scrivete a:

corsi@finanzaworld.it

Di chi possiamo davvero fidarci?

venerdì, settembre 16th, 2011

Ecco “Affari Nostri” di lunedì
per gli affezionati Fwiani Bloggers.
Buona lettura.

” Questa settimana voglio riproporvi una newsletter
che ho pubblicato circa un anno e mezzo fa, ma
più che mai d’attualità.

Intanto vi ricordo che avete un’opportunità unica
per conoscere – a costo zero – i servizi Premium
di FinanzaWorld, con 45 giorni di prova gratuita
e senza impegno cliccando qui:

In Borsa Con Carlà

In Borsa In Italia

Investitore Intelligente ETF&Global

Obbligazioni Italia&Euro

Buona lettura.

“In questi giorni ho ricevuto moltissime
vostre email a f.carla@finanzaworld.it
Tema unico: la Grecia e le nuove e vecchie
paure degli investitori.

Ho scelto la lettera di Alessandro Faenzi
a cui segue il mio commento:

“Carissimo prof. Carla’,

Le rivolgo una domanda, forse un po’ ingenua.

Nei giorni scorsi, il Tesoro italiano e’ riuscito
a collocare una trance del proprio debito pubblico
con molta facilita’.

Dice, la propaganda governativa, addirittura con
“richieste” doppie all’offerta.

Non fidandomi di tale e tanta pubblicita’, ho spulciato
in giro qualche giornale ma confesso, di aver abbandonato
presto la ricerca non trovando che la solita notizia.

Forse e’ troppo presto? Forse nessuno si e’ interessato
della questione? Forse e’ tutto vero?

Personalmente ho paura, un giorno, di svegliarmi e
sapere che siamo stati tutti ingannati come dalla Lehman.

E magari, fra un anno, dopo aver prestato soldi a destra
e a manca, oggi alla Grecia domani a Chissa’ chi …,
nessuno ci prestera’ un soldo perché nessuno avra’ da
prestare soldi a chicchessia!

Dopo aver letto le sue ultime “lettere” (“Come superare
le crisi dei mercati senza paura
” e “Italiani popolo
di investitori?
”), ecco la domanda: noi italiani siamo
bene informati della nostra crisi?

La saluto cordialmente.

-Francesco Carla’
La domanda del Fwiano Faenzi e’ molto semplice:
possiamo fidarci (e investire) sulla base di quello
che ci raccontano i mass media?

La risposta e’ altrettanto facile e diretta: NO.

Non possiamo fidarci, e investire, per alcune
ottime ragioni, ecco le due principali:

La prima: i mass media ci raccontano ‘i fatti economici’
come fossero notizie di cronaca nera. In tempo reale.

Ma le cose economiche e finanziarie non significano mai
quello che sembrano a prima vista. Pensare di investire
usando, in modo acritico, le ultime news della tv o dei
giornali, e’ un modo sicuro per essere travolti e ridotti
in miseria.

La seconda: aspettare le notizie dei mass media per
agire (per investire), e’ come aspettare che qualcuno
ci spari addosso prima di mettersi al riparo.

La velocita’ dei mercati e’ tale (quella dei traders
e delle istituzioni, la cosiddetta ‘speculazione’) da
non lasciare alcuno scampo a chi non ha un piano e lo
applica con metodo, disciplina e al giusto tempo.

Ecco perche’ i Fwiani si trovano sempre nel posto
giusto (e con gli investimenti giusti) al momento
opportuno. In questa come in tutte le crisi, e le
bolle, degli ultimi 10 anni e mezzo.

Succede perche’ possiamo investire dove ci pare
e piace, quando ci pare e piace, e usando le regole
auree della Finanza democratica e i Metodi collaudatissimi
dell’Investimento Intelligente.

Regole e Metodi indipendenti e semplici che non si
cambiano in base all’ultima notizia, alla nuova moda.

E per questo funzionano sempre.

Un caro saluto,
Vs. Francesco Carla’ “

Sono aperte le iscrizioni per l’ultimo
Master Live con Francesco Carlà del 2011,
che si terrà il 15 ottobre a Bologna.

Tutti gli iscritti riceveranno un attestato di
partecipazione firmato dal Professore,
più l’iscrizione gratuita ai 3 livelli (30 lezioni)
del VideoMaster on line “Investi Personalmente”
con Francesco Carlà.

Per avere le informazioni scrivete a:

corsi@finanzaworld.it

Non perdetevi l’ultimo Master Live! del 2011

venerdì, settembre 9th, 2011

Come di consueto, pubblico in anteprima,
per gli affezionati Fwiani Bloggers, “Affari
Nostri” di lunedì prossimo. Buona lettura.

” Vorrei invitarvi al mio Master Live del
15 ottobre prossimo a Bologna.

Molti di voi si sono già iscritti e sarà
un’occasione per vederci di persona
e, con la nuova formula del Workshop,
per dialogare ancora di piu’ con me.

Basta cliccare qui per avere tutte le altre
informazioni e garantirvi la prelazione.

Ma immagino che i Fwiani, come al solito,
possano volere di più. Alla fine ho deciso
di approfondire anche qui. Comincio subito.

Una cosa ormai è chiara a tutti:

Se non si investe non si cresce. Nel senso
che i nostri soldi, non solo non si moltiplicano
regolarmente, ma anzi finiscono in pasto all’
inflazione e perdono valore. Quindi bisogna
imparare ad investire bene, ad InvestireIntelligente.

Ma come si fa ad InvestireIntelligente?

È esattamente questo che vorrei spiegare
e raccontare nel Master Live! di Bologna
del 15 ottobre prossimo.

E lo farò, come sempre, con gli esempi,
il dialogo, e rispondendo a tutte le domande
dei Fwiani partecipanti.

Però, prima di continuare, fatemi dire 3 cose:

- Per InvestireIntelligente bisogna essere
consapevoli e informati;

- Per InvestireIntelligente bisogna imparare
come si fa da chi è Indipendente;

- Per InvestireIntelligente bisogna acquisire
uno stile personale di investimento.

E adesso vediamo insieme tutti gli argomenti.

Il Master inizia alle 10 circa e fino alle 13
vi parlerò di tutto ciò che succede
PRIMA di investire. Cioè tutto quello
che dovete fare per:

- Organizzare il portafoglio (Asset allocation)

- Scegliere le società candidate (Stock Picking)

- Informarsi sulle società e sui loro business

- Analizzare le società e valutarle (value e growth)

- Vederle in movimento e in azione (watchlist)

Tutto ciò si può fare, gratis e bene, usando
Yahoo!Finance e Yahoo!Finanza per l’Italia,
e vi spiegherò come.

A questo punto saranno le 13 e quindi pranzo.

Nel primo pomeriggio ricominciamo e andremo
avanti fino alle 17:30.

Gli iscritti ai nostri servizi premium sanno
che la teoria è una bella cosa, ma assai migliore
è la pratica, perché proprio con la pratica
si moltiplicano i capitali e si vede crescere
il proprio portafoglio e le società prescelte.

Ma torniamo al Master e al pomeriggio di pratica.

Ecco cosa succederà e di cosa vi parlerò:

- Casi concreti di stock picking di successo
dai servizi premium che stanno surclassando gli indici.

- Come gestire il portafoglio: il mio Metodo:
lo stop loss, il profit taking, la gradualità

- Casi concreti di analisi e valutazioni
(growth e value) dai nostri servizi Premium.

- Il comportamento dell’ “investitore modello”
(Le sei cose decisive per InvestireIntelligente)

- Le mie watchlist esclusive, cioè le società
che ho scelto, ma che non hanno ancora fatto
ingresso nel mio portafoglio.

E poi il gran finale:

- Workshop: domande e risposte con i Fwiani.
Riecco gli obbiettivi del Master LIVE! di Bologna del 15 ottobre:

- Per InvestireIntelligente bisogna essere
consapevoli e informati;

- Per InvestireIntelligente bisogna imparare
come si fa da chi è Indipendente.

- Per InvestireIntelligente bisogna acquisire
uno stile personale di investimento.

Raggiungeremo tutti gli obbiettivi insieme.

Adesso vi basta cliccare qui per avere tutte le
istruzioni per l’uso, tra l’altro se lo fate subito
avrete diritto alla prelazione e a tutti i vantaggi
del caso.

Perche’ con l’iscrizione avrete diritto
a un’autentica enciclopedia dell’investimento,
adatta ad investitori di ogni livello.

Da zero a Master.

Quello del 15 ottobre a Bologna sarà l’ultimo Master
Live del 2011 e tutti gli iscritti riceveranno
un attestato di partecipazione con la mia firma.

Inoltre sara’ consegnato a tutti il “Frullatore di
Francesco Carla’”, cioe’ l’esclusivo sistema
per analizzare qualunque societa’ prima di investire.

Cliccate subito qui per tutte le informazioni
e scrivete a corsi@finanzaworld.it per avere
il mio invito speciale

Un caro saluto a tutti,
Vs. Francesco Carla’

Ancora pochi giorni per provare GRATUITAMENTE
per 45 giorni tutti i principali servizi Premium
di FinanzaWorld.

Dovete soltanto cliccare qui:

In Borsa Con Carlà

In Borsa In Italia

Investitore Intelligente ETF&Global

Obbligazioni Italia&Euro

Che momento e’ per cominciare ad Investire Intelligente?

venerdì, settembre 2nd, 2011

A beneficio di tutti i Fwiani Bloggers,
pubblico in anteprima il prossimo numero
di “Affari Nostri”. Buona lettura.

” Scrivevo la newslettera che state per leggere (rileggere)
il 24 novembre del 2008, giusto dopo la buriana della grande
crisi finanziaria dei subprimes e di Lehman Bros.

Ve la ripropongo quasi tre anni dopo per almeno due ragioni importanti:

La prima: la memoria e’ una delle doti decisive dell’Investitore Intelligente;
La seconda: ricordare bene e’ utilissimo per non ripetere errori e migliorarsi.

Alla fine della newslettera un mio brevissimo commento. Buona lettura.

-Affari nostri: Le ciambelle e il Metodo Carla’

“Il 2008 è stato un disastro nelle Borse:
moltissimi grandi money manager di tutto
il mondo sono sotto del 50, 60 e anche
70% e i loro hedge funds annaspano.

Invece i Fwiani premium lo hanno navigato tranquilli
grazie alle strategie preventive che avevamo messo
in opera, cominciando nell’estate del 2007,
continuando fin dal gennaio 2008, e poi completando
nella primavera e nell’estate di quest’anno.

Mai come in questo 2008 stiamo battendo gli indici,
che pure abbiamo battuto tutti gli anni dal gennaio 2004.
E li abbiamo battuti con tutti i servizi premium
che compongono la nostra Maratona dell’Investimento:

Wall Street (IBCC), Piazza Affari (IBII),
ETF Globali (Investitore Intelligente),
Obbligazioni (Fw Obbligazioni Italia & Euro).

Infatti gli abbonati premium di Finanza World
sono aumentati in questo storico ottobre del 20%.

Merito sopratutto del mio Metodo di gestione
del portafoglio
, noto al pubblico immodestamente come:
Metodo Carla’, e composto di sole 6 semplici regolette.

Una di queste, la numero 4, riguarda il momento
di vendere per prendere profitto, il famoso
Take Profit o Profit Taking.

Nel 2008 ha avuto un ruolo centrale nel
successo dei miei investimenti e ne ho
parlato di recente a tutti gli abbonati
ad “In Borsa con Carla’“, la newslettera
premium quotidiana dedicata a Wall Street
e nota confidenzialmente come IBCC:

Eccone un estratto che vorrei leggeste tutti:

“Il take profit, e’ il momento topico per un investitore
davvero intelligente, il momento in cui si decide se
vendere un cavallo che corre bene.

Vi faccio un esempio che considero illuminante e che
consente di capire meglio la regola 4 del mio Metodo,
che ritengo sia stata DECISIVA in questi anni nel permettermi
di surclassare (uso questo verbo perche’ e’ quello giusto
quando si conduce 75 a zero sull’indice S&P negli ultimi
5 anni) l’avversario nella Maratona Usa:

Guardate il grafico di CTRIP che in tre anni ha portato
a casa il +337% di profitto netto (in seguito questo profitto
e’ cresciuto fino al +423%, nota di Carla’):

http://finance.yahoo.com/echarts?s=CTRP#chart1:symbol
=ctrp;range=5y;indicator=volume;charttype=line;crosshair
=on;ohlcvalues=0;logscale=off;source=undefined

Potete osservare come ci siano state molte occasioni, lungo
la strada, in cui poteva venire voglia (per paura) di
prendere profitto.

Io invece l’ho fatto solo quando le mie analisi sui
fondamentali, e tante altre considerazioni, mi hanno
convinto fosse il momento giusto. Non prima.

In questo senso la regola 4 del mio Metodo sul take profit
e’ una bussola, uno strumento di orientamento, non un dictat.

Incidentalmente vorrei dire che Ctrip e’ stato venduto
a 66.90 dollari per azione, ad un soffio dal massimo storico
in chiusura di 70.07

Oggi (novembre 2008) e’ a quota 16.51 dollari.

Ovviamente non tutte le ciambelle riescono cosi’.
Ma quando riescono cosi’ e’ decisamente merito
del take profit/bussola.

-Totale dal 2 gennaio 2004:
IBCC: +56%, S&P 500: -17%

Ecco cosa farei se fossi un nuovo Abbonato
premium in 10 semplici mosse:

1 Entro nel mio account personale;
2 Leggo l’ultimo numero della newslettera;
3 Prendo visione del Metodo di gestione (Metodo Carla’);
4 Prendo visione del Portafoglio premium;
5 Entro nell’archivio esclusivo e leggo altre newslettere
e prendo visione di tutti gli Alert;
6 Mi immedesimo nella strategia della Maratona;
7 Leggo come funziona il servizio (per esempio IBCC)
http://www.finanzaworld.it/content/read/6545
8 Leggo la sezione Domande (Faq)
http://www.finanzaworld.it/content/read/6161
9 Rifletto su tutto quello che ho letto;
10 Comincio, con calma e gradualita’, ad investire.

Perche’ l’investimento non e’ mai una
questione di velocita’, ma di durata.

Esattamente come succede in una Maratona.”

-Commento di FC (settembre 2011)
Migliaia di Fwiani Premium stanno attraversando
senza emotivita’ la Nuova Crisi del 2011 grazie
alla Maratona e al Metodo.

Qualche numero spiega tutto molto piu’ di mille parole,
li avete appena letti nella mia newslettera di 3 anni fa:

-Totale dal 2 gennaio 2004 (fino al novembre 2008):
IBCC: +56%, S&P 500: -17%

Sapete cosa e’ successo, in questi tre anni,
ai Fwiani Premium abbonati al nostro servizio?

-Totale dal 2 gennaio 2004 (fino ad Oggi):
IBCC: +125%, S&P 500: +5%

I profitti della nostra Maratona sono cresciuti di
69 punti, il vantaggio rispetto all’indice e’ aumentato
fino a 120 punti (erano 73 solo tre anni fa).

Torno al titolo di questa newslettera:

Che momento e’ per cominciare ad Investire Intelligente?

E’ un momento ottimo per dare inizio alla Vostra Maratona,
esattamente come tre anni fa.

Aspetto anche voi e vi faccio un invito
straordinario ed inedito: 45 giorni di prova gratuita
a tutti i principali servizi Premium di FinanzaWorld.

Dovete soltanto cliccare qui:

In Borsa Con Carlà

In Borsa In Italia

Investitore Intelligente ETF&Global

Obbligazioni Italia&Euro

Un caro saluto a tutti Vs,
Francesco Carla’

Sono aperte le iscrizioni per l’ultimo
Master Live con Francesco Carlà del 2011,
che si terrà il 15 ottobre a Bologna.

Tutti gli iscritti riceveranno un attestato di
partecipazione firmato dal Professore,
più l’iscrizione gratuita ai 3 livelli (30 lezioni)
del VideoMaster on line “Investi Personalmente”
con Francesco Carlà.

Per avere le informazioni scrivete a:

corsi@finanzaworld.it




© FinanzaWorld - Tutti i diritti riservati/All rights reserved Partita IVA:04401280757 - Finanza World e' una testata giornalistica fondata e Diretta da Francesco Carla'


Navigazione suppletiva

Per avere i migliori e piu' aggiornati consigli vi invitiamo a visitare le pagine seguenti: