Tutto quello che avresti voluto sapere sul denaro, sul risparmio, sugli investimenti, e sui servizi finanziari, e non hai mai osato chiedere!


di Francesco Carla'
Il Master "Investi Personalmente" con Francesco Carla' e' l'esclusivo videocorso in 30 lezioni per imparare a gestire in modo Autonomo e Indipendente i propri Investimenti.

CLICCA QUI per saperne di piu'.

Guarda GRATIS le prime 3 lezioni!

Clicca subito sui seguenti link:
- Lezione 1 - Livello Iniziale
- Lezione 11 - Livello Intermedio
- Lezione 21 - Livello Avanzato

Da Zero A Investitore Intelligente

Consulta subito
l'edizione digitale


Master Live con
Francesco Carla'
>> Entra

Scopri tutti gli
strumenti per fare
di te un investitore
>> Entra


Archivio di dicembre, 2008

La Finanza Democratica e’ il miglior investimento (Buon 2009)

lunedì, dicembre 29th, 2008

Vi anticipo come al solito Affari Nostri che riceverete anche nella vostra mailbox. Buona lettura e buon 2009 a tutti.

-La Finanza Democratica e’ il miglior investimento

Ho pensato di raccontarvi perche’
la Finanza Democratica e’ il miglior
investimento che potete fare.

Dieci anni fa ho creato Finanza World e l’ho definita:
“La Comunita’ della Finanza Democratica.

Da allora questa Comunita’ ha interessato oltre centinaia di
migliaia di persone che hanno in comune un’idea molto semplice:
“La Finanza Democratica e’ l’investimento migliore.”

Ma che cos’e’ esattamente la Finanza Democratica?

I principi della Finanza Democratica sono pochi
e davvero alla portata di tutti. Eccoli qua:

1 Nessuno puo’ curare il nostro denaro meglio di noi;

2 Imparare ad investire e’ molto semplice e non serve
essere laureati in economia e scienze finanziarie.
Basta essere correttamente informati da chi e’
Strutturalmente Indipendente e non deve vendervi
nessun tipo di prodotti finanziari. Basta saper
fare addizioni, sottrazioni, moltiplicazioni,
divisioni, percentuali, e medie;

3 Grazie ad Internet, e’ facile e costa molto poco
investire da soli e senza intermediari. E’ sufficiente
aprire un conto bancario on line e le commissioni
sono basse e alla portata di tutti gli investitori.

Il nostro sito www.finanzaworld.it le newslettere
via email, il Blog, i Master on line, i servizi
Premium etc etc, sono strumenti di informazione,
e di formazione, Indipendenti e semplicissimi da usare,
come possono confermarvi le centinaia di migliaia
di Fwiani che in questi anni hanno condiviso l’idea
e i principi della Finanza Democratica.

In 10 anni, poi, ho ideato e messo a punto altri
3 strumenti che i Fwiani ritengono molto utili
per praticare in concreto la Finanza Democratica:

1 Il Frullatore di Francesco Carla’ per analizzare gli investimenti;
2 Il Metodo Carla’ per gestire il portafoglio;
3 La Maratona dell’Investimento per capire il Fattore Tempo.

In questi 10 anni cosa e’ successo
ai Fwiani e ai “Non Fwiani”?

Ecco cosa e’ successo ai “Non Fwiani”:

Nella migliore delle ipotesi:

1 Se hanno investito in titoli di Stato
e simili hanno visto svalutarsi,
e di molto con l’inflazione che c’e’
stata, il proprio capitale/patrimonio.

2 Se hanno investito in fondi obbligazionari
l’inflazione e i costi di gestione hanno
sgretolato ancora di piu’ il capitale;

3 Se hanno investito in fondi azionari stanno
collezionando perdite pesanti, in piu’ l’inflazione
e i costi di gestione hanno sgretolato il capitale.

Nella peggiore delle ipotesi
(parecchio frequente in questi 10 anni):

1 Se hanno investito in obbligazioni corporate
e di stato sbagliate (Parmalat, Cirio,
Argentina etc etc) hanno perso tutto,
o quasi tutto il capitale;

2 Se hanno investito in fondi azionari rischiosi
e malgestiti (sono stati tanti in questi anni
secondo Mediobanca) hanno perso tutto o quasi
tutto il capitale;

3 Se hanno investito in azioni e obbligazioni
seguendo consigli sbagliati e senza essere
adeguatamente informati e formati, hanno
collezionato perdite pesanti e sono pieni
di sfiducia e demotivati.

Cos’e’ successo, invece, ai Fwiani in questi 10 anni?

1 Hanno evitato i Derivati e le Bolle;
2 Hanno evitato le truffe e imparato cosa
sia uno Schema Ponzi;
3 Hanno imparato a conoscere gli strumenti
sani dell’investimento;
4 Hanno imparato ad investire da soli il
proprio denaro;
5 Hanno imparato a conoscere ed usare i
principi della Finanza Democratica.

Se poi hanno usato i nostri servizi premium
hanno capito meglio, molto meglio, cosa vuol
dire “Maratona dell’Investimento” e “battere
il mercato”.

Ecco una tabella molto significativa riferita
ad “In Borsa con Carla’” (IBCC il servizio
che investe a Wall Street). I risultati sono
molto simili anche per IBII e InvInt ETF & Global
gli altri servizi premium di Fw:

IBCC 2004 vs. S&P 500: + 2%  per IBCC;
IBCC 2005 vs. S&P 500: +14%  per IBCC;
IBCC 2006 vs. S&P 500: + 9%  per IBCC;
IBCC 2007 vs. S&P 500: +20%  per IBCC;
IBCC 2008 vs. S&P 500: +26%  per IBCC;

Cosa dice questa tabella?

1 IBCC, la Maratona Americana, ha battuto
sistematicamente l’indice S&P 500 per 5 anni
di seguito. E nel 2008 il distacco e’
aumentato di 26 punti, il record assoluto.

2 -Totale dal 2 gennaio 2004:
IBCC: +60%, S&P 500: -11%, $/euro: -8%

I Maratoneti di IBCC hanno portato a casa
una rivalutazione del proprio investimento
del 60% in 5 anni, a cui vanno aggiunti i
tanti dividendi pagati dai business del pfolio.
(dati al 20.12.2008)

Ma ecco di nuovo i principi della Finanza Democratica:

1 Nessuno puo’ curare il nostro denaro meglio di noi;

2 Imparare ad investire e’ molto semplice e non serve
essere laureati in economia e scienze finanziarie.
Basta essere correttamente informati da chi e’
Strutturalmente Indipendente e non deve vendervi
nessun tipo di prodotti finanziari, e basta saper
fare addizioni, sottrazioni, moltiplicazioni,
divisioni, percentuali, e medie;

3 Grazie ad Internet e’ facile e costa molto poco
investire da soli e senza intermediari. E’ sufficiente
aprire un conto bancario on line e le commissioni
sono basse e alla portata di tutti gli investitori.

Un’ultima cosa: provate a scrivere
“Finanza Democratica” su Google.

Un caro saluto a tutti e Buon Anno,

Vs. Francesco Carla’

Buon Natale!

martedì, dicembre 23rd, 2008

Grazie a tutti: e’ stato un anno storico e siamo davvero molto contenti di come il Metodo e le nostre strategie abbiano gestito il crollo, per una volta la parola e’ quella giusta, che anche grandi nomi dell’investimento hanno invece preso in pieno sul viso.

Con perdite del 40, 50, 60 e anche piu’ per cento. E non sto parlando di novellini, ma di Motley Fool, Navellier e Legg Mason tanto per fare alcuni dei nomi piu’ noti nell’informazione, nell’advising e nella gestione.

Senza contare la debacle della grandissima maggioranza dei fondi che al danno delle perdite aggiungono, come sempre, la beffa dei costi e delle commissioni.

Aver preso un vantaggio cosi’ enorme nel 2008 sugli indici di riferimento nella Maratona dell’Investimento, ci mette nella condizione migliore per continuare a tenere il nostro ritmo fino in fondo. Come sempre faremo del nostro meglio. Ma ecco i risultati ad oggi della Maratona dell’Investimento cui teniamo tutti cosi’ tanto:

IBCC-Wall Street, 5 anni di Maratona Usa:
-Totale dal 2 gennaio 2004:
IBCC: +60%, S&P 500: -12%, $/euro: -8%

Investitore Intelligente ETF & Global, 4 anni di Maratona Globale:
-Totale dal gennaio 2005 ad oggi
InvInt: +16%, S&P500: -18%

IBII-Piazza Affari, 3 anni di Maratona Italiana:
-Totale dal 2 gennaio 2006 ad oggi:
IBII: +3%, S&P MIB: -40% (dividendi IBII; +5,65%)

Ancora buone feste a tutti,
Vs. Francesco Carla’ e Finanza World.

La Maratona e la Felicita’ Finanziaria 2009

sabato, dicembre 20th, 2008

Scrivevo il commento che state per leggere
esattamente 3 anni fa, il 5 dicembre del 2005.

Rileggere quello che scrivevo 3, 5, 10 o
anche piu’ anni prima, e’ un esercizio che faccio
(e vi propongo) spesso per almeno 3 ragioni:

1 Per vedere se gli scenari e le previsioni
si sono rivelate esatte o sbagliate;

2 Per vedere se qualcosa e’ cambiato e se si’
in meglio o in peggio;

3 Per vedere se cambierei qualcosa in quello
che ho scritto oppure no.

In questo caso, rileggendomi, ho notato due cose:

1 L’inflazione reale si e’ un po’ calmata in questi
36 mesi ed e’ probabilmente merito della BCE che,
al contrario della FED, non ha dovuto/voluto piu’
di tanto fare la matta con i tassi;

2 L’infelicita’ finanziaria, con tutti i suoi perigli,
e’ molto aumentata specialmente per chi non ha
capito, e sono ancora troppi, che senza un piano,
una strategia e un Metodo e’ impossibile non cadere
nelle trappole costosissime della finanza barbara.

Alla fine non ho cambiato quasi nulla in questo testo:
mi e’ bastato modificare le date e inserire un piccolo
commento sul Metodo e sulla Maratona. E una tabella.

Buona lettura e Buon Natale.

-L’infelicita’ finanziaria e’ sempre piu’ diffusa.

E molta di questa infelicita’ dipende dalla
scarsa educazione al denaro che e’ derivata
da anni troppo facili, come quelli in cui
risparmiava ed investiva mio padre.

Oggi non e’ piu’ cosi’ e il boom dei prestiti,
delle carte di debito, dei mutui e delle rate,
insomma di tutti gli strumenti finanziari che
possono mettervi in trappola se usati male,
lo dimostra in modo evidente.

Ma la Felicita’ Finanziaria e’ molto importante
e puo’ essere raggiunta con interesse e passione.

E assai piu’ facilmente di quello che si puo’ credere.

Il primo a capirlo fu proprio Gesu’ Cristo che
non ebbe nessun problema ad usare una metafora
finanziaria, quella dei Talenti, nel Vangelo.

Lo dissi anche a Raffaele Morelli in una
nostra discussione al Costanzo Show.
E ne rimase scandalizzato perche’ il denaro
e’ ancora un tabu’ in Italia, e non fa fino parlarne.

Invece bisogna parlarne e capire.

Se non si vuole essere delle vittime
del denaro e del modo in cui il denaro
cambia apparentemente nel tempo,
pur restando sempre uguale a se stesso.

Ma ecco tre questioni decisive:

1 Perche’ risparmiare e’ sempre piu’ difficile?

Perche’ vivere costa molto. Un amico mi ha detto
una cosa di recente. “Tu vai in Cina e mi racconti
del boom che stanno vivendo da quelle parti.
Pero’ non capisco come facciano a vivere con
500 euro al mese?”

Dipende dal costo della loro vita.

Con 500 euro al mese a Shanghai te la passi bene
perche’ i loro soldi ‘valgono’ molto di piu’ dei
nostri. Con 5 o 10 euro paghi una bella cena per due
in un ristorante nel centro di Shanghai.

A Milano devi spendere 10 o 20 volte tanto.

Quindi 500 euro a Shanghai possono somigliare
a 5000 euro a Milano. Ecco perche’ un cinese
risparmia e un italiano molto meno. O per nulla.

Veniamo al secondo problema:

2 Perche’ investire i risparmi e’ sempre piu’ complicato?

Ci sono ancora italiani che riescono a risparmiare,
per fortuna. E che riescono a farlo con regolarita’
e continuita’. Questi italiani sono costretti ad
un bel po’ di inutili emicranie per i loro investimenti:

-I Bot e le obbligazioni rendono molto poco;
-Gli immobili sono ai massimi storici e molto tassati;
-I fondi di investimento sono costosi e deludenti.

Allora dove mettere i propri risparmi e farli rendere?

E veniamo al terzo cruccio:

3 I profitti degli investimenti sono sempre piu’ insicuri:
Mille bolle blu finanziarie, bond argentini che non
vengono restituiti, Maddoff, Cirio, Parmalat, Banca121,
scandali e truffe non si contano e impensieriscono
gli investitori che hanno capito che i consiglieri
indipendenti si contano sulla punta delle dita.

Di una mano o poco piu’.

Ma allora come si fa nel 2009 ad organizzarsi
per ritrovarsi fra 10, 20, 30 e anche 40 anni,
sicuri e felici finanziariamente, senza mal
di testa e senza aver corso rischi eccessivi?

La risposta e’ semplice: partecipando alla
Maratona dell’Investimento, cioe’ investendo
regolarmente sui mercati azionari ed obbligazionari,
facendolo con Metodo e continuita’ e senza farsi
prendere dall’emotivita’ del giorno, della settimana,
del mese o dell’anno.

Questo 2008 ha messo a dura prova le qualita’
psicologiche e strategiche di molti investitori.

Eppure, mai come in questo 2008 il distacco
rispetto all’avversario giurato, gli indici
di riferimento, e’ aumentato per chi ha seguito
i nostri servizi premium in questi anni.

Sono i Maratoneti Fwiani della prima ora
che sono stati premiati per la loro lungimiranza.

Ecco una tabella molto significativa riferita
ad “In Borsa con Carla’” (IBCC il servizio
che investe a Wall Street). I risultati sono
molto simili anche per IBII e InvInt ETF & Global:

IBCC 2004 vs. S&P 500: + 2%  per IBCC;
IBCC 2005 vs. S&P 500: +14%  per IBCC;
IBCC 2006 vs. S&P 500: + 9%  per IBCC;
IBCC 2007 vs. S&P 500: +20%  per IBCC;
IBCC 2008 vs. S&P 500: +26%  per IBCC;

Cosa dice questa tabella?

1 IBCC, la Maratona Americana, sta battendo
sistematicamente l’indice S&P 500 da 5 anni
a questa parte. E nel 2008 il distacco e’
aumentato di 26 punti, il record assoluto.

2 -Totale dal 2 gennaio 2004:
IBCC: +60%, S&P 500: -11%, $/euro: -8%

I Maratoneti di IBCC hanno portato a casa
una rivalutazione del proprio investimento
del 60% in 5 anni, a cui vanno aggiunti i
tanti dividendi pagati dai business del pfolio.

Rewind:

1 Risparmiare anche in questi periodi difficili;
2 Semplificare il mondo dell’investimento;
3 Aumentare il rendimento dei nostri risparmi.

Sono i 3 comandamenti della Felicita’ Finanziaria.

Un caro saluto e Buone Feste a tutti Vs,

Francesco Carla’

E’ uscita la nuova “Guida per Guadagnare nella
Grande Crisi del 2008″ di Francesco Carlà.

Cliccate qui per acquistarla oppure provate

http://www.finanzaworld.it/product/view/137dcf7f276bdc756698e76e3efa832f742

i servizi premium per 45 giorni, cliccando sui
seguenti links, per averla GRATIS:

“In Borsa Con Carlà”
http://www.finanzaworld.it/product/view/1353026faaf03d6bd903b1971c1ae6e7137

“In Borsa In Italia”
http://www.finanzaworld.it/product/view/1330a986ae127b70aa135b9061549056a5d

“InvestitoreIntelligente ETF&Global”
http://www.finanzaworld.it/product/view/132e95c85852c1fd36a492bc769dad6d3fe

“FW Obbligazioni Italia&Euro”
http://www.finanzaworld.it/product/view/1340aa9983f2fe7de5e0b99db114f72e46b

La Truffa Madoff e la Finanza Democratica

lunedì, dicembre 15th, 2008

Il fatto: Un famoso gestore finanziario americano,
Bernard Madoff, esce allo scoperto dichiarando che
deve 50 miliardi di dollari ad un sacco di banche
e persone, e che non ha il becco di un quattrino
perche’ aveva messo in piedi un gigantesco schema Ponzi.

Da questa vicenda di Maddoff si capiscono,
per ora, tre cose:

1 Anche alcune banche italiane, ancora una volta colpite
dalla faccenda, non sono riuscite a prevenirla;

2 Lo schema Ponzi, dal quale vi ho messi in
guardia tante volte negli ultimi anni anche
su questo Blog, non era affatto andato
fuori moda visto che e’ il protagonista
pure di questa megatruffa;

3 Per Investire Intelligente, e sicuro, bisogna
investire da soli, farlo su quello che si capisce,
informati (eventualmente) da chi e’ strutturalmente
Indipendente, non tocca il vostro denaro,
e guadagna solo se voi guadagnate.

Giusto giusto 3 dei principi cardine della
Finanza Democratica.

A proposito: avete mai provato a scrivere
“Finanza Democratica” su Google? Provateci.

E’ giusto cominciare ad investire ora?

venerdì, dicembre 12th, 2008

Oggi vorrei inaugurare un’altra novita’ del Blog. Venerdi’ o nel week end, comunque in anteprima rispetto alla normale uscita del lunedi’ via email e sul sito, inseriro’ qui la mia ormai decennale newslettera ‘Affari Nostri’ cui sono iscritte piu’ di 200.000 persone dal 1999. Buona lettura e buon commento. In topic plz.

“Ci sono un paio di cose sicure nell’investimento
azionario. Nella newslettera di oggi sento l’urgenza
di sottolinearle per tutti i Fwiani:

La prima: il rifugio migliore per tenere alto il
potere d’acquisto dei nostri soldi, a medio
e a lungo termine, sono le azioni di buone societa’.

-100.000 euro investiti dal 2004 ad oggi nelle
buone societa’ di IBCC sarebbero diventati 160.000.

Gli stessi 100.000 euro investiti sull’indice
S&P 500 di New York sarebbero scesi a 90.000.

La seconda: i prezzi delle azioni, anche di societa’
buone e ottime, non sono mai stati cosi’ bassi da
15 anni a questa parte, e i dividendi cosi’ alti.

Una grande azienda Usa, una di quelle che
ho appena inserito in pfolio su IBCC, paga il 3,40%
di dividendo, tra l’altro con cadenza trimestrale,
e le sue azioni hanno perso il 31% dall’inizio
dell’anno, mentre ricavi e profitti sono cresciuti
rispettivamente del 9 e del 14%.

Davvero pensate che un gigante come questo possa
perdere il 30% dei ricavi e dei profitti nei
prossimi mesi di recessione? Ne dubito fortemente.

E’ per questo che ho appena inserito 4 nuove
societa’ nel portafoglio di “In Borsa con Carla’” (IBCC),
la newslettera premium tutta dedicata a Wall Street.

E’ per lo stesso motivo che di recente ho inserito
4 nuove societa’ nel portafoglio di “In Borsa
in Italia” (IBII), la newslettera premium tutta
dedicata all’investimento azionario italiano.

Adesso seguite per favore il mio ragionamento.

Se queste societa’ sono buone, pagano dividendi da
molti anni con regolarita’, in barba a cicli economici
e recessioni, e i prezzi delle loro azioni sono molto
piu’ bassi di quanto non fossero anni addietro,
cosa vuol dire secondo voi?

Secondo me vuol dire che cominciare ad investirci
in questo periodo puo’ essere una buona idea.

Sapete cosa dice Warren Buffet, vero?

“Siate avidi quando tutti sono paurosi, e paurosi
quando tutti sono avidi”.

E direi che piu’ paurosi di cosi’, in venti e piu’
anni di esperienza di Borsa, io gli investitori non
li ho decisamente mai visti.

Ragionamento semplice no?

Ma perche’ allora, direte voi, se il tuo ragionamento
e’ cosi’ semplice e non sembra avere punti di debolezza,
in cosi’ tanti continuano ostinatamente a vendere e le
azioni di tante societa’ a scendere?

E’ il paradosso apparente dell’investimento azionario:
tutti vogliono comprare quando i prezzi sono
cari o carissimi e c’e’ ressa alle entrate.

Perche’ dico che e’ un paradosso solo apparente?

Per una ragione semplicissima: pochi, in Italia pochissimi,
hanno davvero capito come funzionano le Borse. Altrimenti
per quale ragione si continuerebbe ad usare la terribile
espressione “Giocare in Borsa”?

Troppi continuano a pensare che esistano due modi,
entrambi possibili e validi, di essere in Borsa:

1 Entrare ed uscire, scommettere se il titolo pinco
o il titolo pallino crescera’ la prossima settimana,
usare la Borsa come un casino’. Sono i Centometristi.

2 Investire su societa’ buone a prezzi bassi, societa’
che pagano dividendi, che crescono regolarmente,
che hanno ricavi e profitti. Sono i Maratoneti.

Ma la verita’ e’ che il primo modo conduce invariabilmente
al disastro. Perche’ nessuno e’ in grado di prevedere
cosa fara’ il titolo pinco o il titolo pallino a breve
termine, e quindi i Centometristi fanno in Borsa esattamente
la stessa cosa che farebbero al casino’: puntano alla cieca.

Quindi, in realta’, non esistono due modi validi
di essere in Borsa, ma solo uno per chi vuole
davvero investire e non scommettere:

Scegliere buone societa’ a buon prezzo, avere un
Metodo, sposare la strategia e la logica che sta
dietro alla Maratona dell’Investimento Intelligente.

E questo, ricordatevene in futuro, passera’ alla
storia come un momento ideale per cominciare la
Maratona. Esattamente com’e’ stato per chi e’ partito
con me per la Maratona Usa (IBCC) a gennaio del
2004 e, cinque anni dopo, ha portato a casa un
profitto del 60% (piu’ dividendi), mentre l’indice S&P 500
di Wall Street, negli stessi 5 anni, ha perso il 10%.

Un caro saluto a tutti Vs,
Francesco Carla’ ”

E’ uscita la nuova “Guida per Guadagnare nella
Grande Crisi del 2008″ di Francesco Carlà.

Cliccate qui per acquistarla oppure provate

http://www.finanzaworld.it/product/view/137dcf7f276bdc756698e76e3efa832f742

i servizi premium per 45 giorni, cliccando sui
seguenti links, per averla GRATIS:

“In Borsa Con Carlà”
http://www.finanzaworld.it/product/view/1353026faaf03d6bd903b1971c1ae6e7137

“In Borsa In Italia”
http://www.finanzaworld.it/product/view/1330a986ae127b70aa135b9061549056a5d

“InvestitoreIntelligente ETF&Global”
http://www.finanzaworld.it/product/view/132e95c85852c1fd36a492bc769dad6d3fe

“FW Obbligazioni Italia&Euro”
http://www.finanzaworld.it/product/view/1340aa9983f2fe7de5e0b99db114f72e46b

Rally natalizio o Window dressing?

martedì, dicembre 9th, 2008

Due giorni di rally dicembrino non fanno primavera.

Chi ha un po’ di esperienza dei mercati azionari
sa bene che i Bear Rally, cioe’ le giornate positive
durante i periodi negativi delle Borse, possono
essere particolarmente eccitanti.

Ma non per questo sono meno pericolose per chi
trae conclusioni affrettate sul trend. In piu’ c’e’ il
periodo del Window dressing, una specie di effetto
ottico che i manager dei disastrati fondi
d’investimento di tutto il mondo, e quest’anno
sono praticamente tutti, creano verso la fine dell’anno,
espellendo dal portafoglio i titoli messi peggio e
comprandone di nuovi.

Serve come doppio fumogeno per i poveri clienti
‘gestiti’: da una parte hanno l’impressione che
non vada poi cosi’ male.

Dall’altra serve a far vedere che i campioni del
momento sono tutti, guarda caso, in portafoglio.

La domanda quindi e’ una sola: si tratta di un
Rally natalizio o di Window dressing?

La Bolla Mattonata italiana e il 2009

giovedì, dicembre 4th, 2008

Fra pochi giorni finisce questo diabolico 2008.

Passera’ alla storia per il Grande Crash e per
le Bolle Trigemine che lo hanno generato.

La Bolla Mattonata che ha convinto quasi tutti
di aver comprato una casa mentre avevano solo
contratto un brutale debito per un immobile spesso
assai sopravvalutato.

La Bolla Mutuata che ha convinto quasi tutti
della ‘buona idea’ di sostituire l’affitto con la
rata del mutuo a tasso variabile o, peggio ancora,
di indebitarsi a catena per comprare immobili e
riuscire a pagare le rate dei mutui con gli affitti e le rendite.

E infine la Bolla Derivata, la ‘quadratura del cerchio’,
l’assicurazione sulla vita delle banche, l’uovo di colombo
che doveva restituire liquidita’ agli istituti di credito che
avevano impiegato la loro per venti o trent’anni nei mutui di cui sopra.

Come sia andata a finire lo sappiamo tutti.

Ma guardate cosa avevo scritto sul mio Blog
e ancora prima sui servizi premium di Finanza World, nel 2005:

http://www.finanzaworld.it/blog/la-bolla-mattonata-italiana

La Bolla Mattonata italiana
22.11.2005

Volete la prova della nostra Bolla Mattonata?

Non siete ancora convinti che gli
immobili in Italia, specialmente nelle
grandi citta’ siano ormai a prezzi assurdi?

Allora leggete la notizia che segue:

-Dagospia
Julia Roberts ha venduto per cinque milioni di dollari
il suo appartamento con quattro stanze da letto sulla
Quinta Avenue. Coincidenza: a comprare la casa da
300 metri quadri e’ stata l’attrice Holly Hunter,
anch’essa incinta di due gemelli. La Roberts ora tiene
i suoi fra il ranch del New Mexico e l’abitazione
di Los Angeles, in attesa degli sviluppi del proprio
matrimonio in crisi con il cameraman Danny Moder.

Sintesi: cinque milioni di dollari
sono circa 4 milioni di euro.

Provate a comprare una casa di 300mq
a Milano o Roma in una zona simile
alla Quinta Avenue di Nyc.

Vi diranno che ci state un po’ stretti.
Non nella casa, nei 4 milioni di euro.

Ma la cosa piu’ ridicola sapete qual e’?

Che se volete affittare una casa come quella
di Julia Roberts a New York, ci riuscite subito
e vi danno 250.000 dollari all’anno.

Provate invece a farvi dare 200.000 euro
all’anno per il vostro appartamento da 4
milioni di euro a Milano oppure a Roma.
Scoprirete che la missione e’ impossibile.

Sintesi della sintesi:

Le case italiane ormai hanno prezzi
da Bolla Mattonata e non rendono in
proporzione a quello che costano.

Se poi Trichet aumenta i tassi …”

Trichet i tassi li aumento’ e la Bolla,
anche in Italia, ha fatto la fine che sapete.

E l’ha fatta fare anche alle nostre banche,
messe sotto l’ombrello protettivo di Tremonti
e commissariate dalla Borsa dove hanno
perso oltre il 50% in media.

Ma che sviluppi possiamo ancora prevedere
per le Bolle Trigemine in Italia e, in primis
per la Bolla Mattonata di questo Paese che
in molti cercano ancora di negare ad oltranza?

Al 2009 l’ardua (non poi cosi’ ardua dopo tutto) sentenza.




© FinanzaWorld - Tutti i diritti riservati/All rights reserved Partita IVA:04401280757 - Finanza World e' una testata giornalistica fondata e Diretta da Francesco Carla'


Navigazione suppletiva

Per avere i migliori e piu' aggiornati consigli vi invitiamo a visitare le pagine seguenti: